Maran: “L’Inter non aveva bisogno di regali. Dobbiamo uscire da questo situazione”

Maran: “L’Inter non aveva bisogno di regali. Dobbiamo uscire da questo situazione”

Le parole del tecnico rossoblu

di Fabio Alampi, @FabioAlampi

Brutto ko per il Cagliari, che perde 4-1 a San Siro contro l’Inter e saluta la Coppa Italia. Il tecnico dei sardi, Rolando Maran, commenta così il match di questa sera.

Momento difficile, ingigantito dagli errori commessi.
C’è un momento dove bisogna fermarsi, ed è questo. Gara in salita fin da subito, vuol dire che questo deve darci quell’insegnamento e quella capcità di leggere le situazioni. Questa cosa si è allungata per tutto il primo tempo e ci ha tolto fiducia, ma non dobbiamo arrenderci: bisogna reagire, a cominciare da domani in allenamento. Bisogna affrontare le cose di petto, guardare in faccia il nostro percorso e cambiare rotta. L’Inter non h sicuamente bisogno di regali. Siamo sesti in classifica, e non dobbiamo dimenticarlo.

Non è riduttivo pensare che sia solo un problema di testa?
Nel finale di partita siamo arrivati in crescendo, ci sono tanti fattori che influicono anche sull’aspetto fisico. Oggi abbiamo dimostrato che abbiamo ancora birra, dobbiamo ritrovare quello che abbiamo smarrito. Ci sono dei momenti in cui bisogna capire che le cose devono cambiare, e questo momento è adesso.

Nelle ultime 7 partite il Cagliari ha subito 16 gol. Cosa è cambiato rispetto a inizio stagione?
Dobbiamo analizzare il momento e affrontarlo per cambiare questo trend. Non possiamo pensare che per vincere serva segnare tre gol.

Cosa insegna la partita di oggi?
L’Inter ha un’identità ben precisa, ha una grandissima costruzione, riescono sempre a trovare il modo di metterti in difficoltà, e proprio per questo non dovevamo fare regali. Negli spazi diventa ancora più forte. Quando li affrontereo  di nuovo ci penseremo, ma prima c’è da pensare alla gara con il Brescia: la affronteremo come se fosse una finale.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy