Novembre: “San Siro? La nostalgia argina il progresso. Uno stadio per Inter e Milan…”

L’architetto che ha progettato Casa Milan ha parlato dell’idea di costruire un nuovo impianto sportivo

di Eva A. Provenzano, @EvaAProvenzano

Fabio Novembre, architetto che ha firmato il progetto di Casa Milan, ha parlato della questione Meazza ed ecco cosa ha detto: «Io sono per il nuovo stadio? Sì, ma non perché tiro acqua al mio mulino, tiro acqua al mulino del progresso. In Italia siamo troppo nostalgici e questo argina il progresso in architettura. San Siro è stato toccato diverse volte ed è stato diversissimo. Avevamo fatto a Barbara Berlusconi la proposta di fare uno City Stadium di 45mila posti proprio accanto a Casa Milan, era un impianto che poteva lavorare sette giorni su sette e sarebbe stato lo stadio del Milan. Credo che in una città di un mln e trecento abitanti, creare uno stadio comune è anche un bel messaggio politico, il simbolo, la convivenza delle due squadre insieme e si possono fare due fronti, due ingressi, uno stadio bifronte. Serve comunque diverso tempo e San Siro deve rimanere fino a che non verrà costruito un nuovo stadio e non avere un certo tipo di stadio tira fuori Milano dalle finali di Champions, è un problema proprio di tarare la capienza dello stadio in base alle ambizioni di questo tempo laico».

(Fonte: SS24)

 

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy