Palmeri: “Offerta Juve a Icardi, le cifre. Solo Kean e 30 mln all’Inter? Furia della società contro…”

Il giornalista parla di un’offerta dei bianconeri fatta pervenire a Mauro Icardi

di Gianni Pampinella

Nel suo editoriale per TMW, Tancredi Palmeri parla di un’offerta della Juve fata pervenire a Mauro Icardi. Questo quanto riporta il giornalista: “L’offerta è arrivata. Tra Juventus e Icardi non ci sono solo contatti, promesse, dichiarazioni o molto prosaicamente “pagherò”. La Juve ha fatto pervenire a Icardi una offerta precisa e circostanziata: 8.5 milioni di € netti a stagione, più una serie di bonus molto ricchi legati a rendimento di squadra e personale. Bonus nell’ordine di circa 3 milioni di €, tra i più ricchi possibili, e per una durata contrattuale che dovrebbe essere di 5 anni. L’offerta della Juventus invece rischia di cambiare tutto: perché è la destinazione possibile che sin dall’inizio è stata evidentemente ritenuta più gradita a tutte le parti in causa, tanto il giocatore quanto il club (tranne che ai tifosi nerazzurri…). Un’offerta estremamente vicina alla volontà salariale di Icardi all’Inter, che nelle trattative per il rinnovo avrebbe probabilmente chiuso proprio sui 9 milioni. Una proposta di contratto che farebbe di Icardi il secondo giocatore più pagato in Italia ma alla pari di Higuain, che a giugno tornerà per percepire gli 8.5 milioni di € di stipendio aumentati dopo il prestito al Milan.”

L’INTER –  “Adesso l’Inter dovrà decidere cosa fare (e prendere una decisione nell’organigramma internazionale sembra proprio l’atto più difficile): perché dal punto di vista morale, la questione di incedibilità alla Juventus è stata risolta da tempo senza alcun problema. Inoltre l’Inter ha un’esigenza di incassare circa 40 milioni entro il 30 giugno per assolvere all’ultimo step del financial fair-play (scadenza che fa imbestialire la dirigenza, quando vede invece il totale laissez-faire concesso dall’Uefa al Milan).
La valutazione dell’ex capitano è stata già abbattuta da tutta la telenovela, considerando che i 120 milioni di € spesi per esempio dal Barcellona per Coutinho avrebbero potuto benissimo fissare a 160 milioni il cartellino di Icardi (guarda caso, il prezzo della clausola originaria nel contratto, poi depennato per fare spazio all’attuale prezzo di 110 milioni in cambio di una mancata concessione del bonus-capocannoniere).

Certo l’Inter dovrebbe provare almeno a vendere l’argentino per un prezzo maggiore del passaggio di Higuain alla Juventus, per evitare di perdere completamente la faccia.
Ma il punto è che Marotta è ancora consapevole che la cessione alla Juventus gli rimarrebbe attaccata come uno stigma pronto a essere sfruttato non appena le cose possano andare male, e dunque da lì l’esigenza di non svendere più di quanto non si sia già fatto negli atti.
Ma l’idea Dybala è stata già declinata dall’interessato; l’opzione Higuain paventata dalla Juventus è stata già respinta al mittente; cosicché è vera l’ipotesi Kean, fatta per ora soltanto dall’Inter, e certo a cui dovrebbe essere data la giusta valutazione, che non potrebbe mai essere oltre i 25 milioni di €. E a quel punto la credibilità della dirigenza sarebbe quella di farsi aggiungere almeno altri 75 milioni di conguaglio, e non i 30 milioni che Paratici eventualmente affiancherebbe (ammesso e assolutamente non concesso che lasci andare Kean).
Ciò che importa al momento è che da qualche giorno sul tavolo di Icardi c’è anche l’offerta della Juventus, precisa e diretta.

(Tuttomercatoweb)

1 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. user-13125894 - 1 anno fa

    Icardi tutta la vita, non va venduto, anzi

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy