Pascual (Arch. Camp Nou): “Ristrutture San Siro significa mantenere anima e identità”

Pascual (Arch. Camp Nou): “Ristrutture San Siro significa mantenere anima e identità”

Le parole dell’architetto che ha progettato la ristrutturazione del Camp Nou a Barcellona

di RedazioneFC1908
San Siro

Joan Pascual, architetto catalano che ha presentato in collaborazione con lo studio giapponese Nikken Sekkei una proposta di ristrutturazione del Camp Nou al Barcellona, ha parlato del tema stadio San Siro al Corriere dello Sport.

Se gli stadi hanno un’anima? Perbacco, certo che ce l’hanno. Non tutti ne hanno una, ma ci sono casi speciali. Nel 1967, andai in gita con la scuola a Milano e scappai via perché volevo andare a visitare San Siro, uno stadio che, come il Camp Nou, crea un forte senso di appartenenza tra i tifosi“.

Pascual non ha dubbi su cosa fare: “È come quando erediti la casa dei tuoi genitori: per mantenere l’anima e l’identità della tua famiglia è meglio ristrutturarla o buttarla giù e farne una nuova? Prova a chiedere a un tifoso dell’Inter o del Milan se crede che il suo stadio abbia un’anima o no. Ti risponderà: “Per favore non togliermela!”. Pensa ad Anfield e a quello che è successo al Barça. È la magia di un luogo sacro. E non possiamo permetterci di perderla“.

Sulla ristrutturazione: “Così facendo il Barça non si muoverà mai dal suo stadio. E non si rinuncia a nulla. Quando i lavori saranno terminati, il Nou Camp Nou avrà tutte le comodità di uno stadio costruito ex novo“.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy