Pellegrini, siluri al Real: «Periodo doloroso, volevo dimettermi subito. Sneijder…»

di Lorenzo Roca, @Lorinc74

Affascinante sfida in semifinale di Champions League tra Manchester City e Real Madrid, l’allenatore dei Citizens Manuel Pellegrini in un’intervista a un quotidiano spagnolo ha parlato dell’incontro e dei suoi trascorsi sulla panchina del Real Madrid senza risparmiare frecciate: «All’interno del club, ero nelle condizioni più avverse possibili. Ho sempre cercato di superarle, avere buoni rapporti con i giocatori e raggiungere un buon livello di gioco nella Liga. Sapevo che sarei stato licenziato dal mio arrivo, da agosto. Il mio periodo a Madrid fu il più doloroso. La squadra non era completa, era in fase ancora di formazione e aveva problemi evidenti. Ho perso due giocatori chiave che sono stati venduti e che io volevo tenere a tutti i costi. Uno era Robben, che aveva vinto il campionato con il Bayern. L’altro, era Wesley Sneijder che poi vincerà la Champions con l’Inter. Ho pensato a dare anche le dimissioni prima dell’inizio della stagione, ma Jorge Valdano mi ha convinto di non farlo».

(Marca)

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy