Raggiunto Icardi, Lautaro guarda oltre. Due obiettivi per il Toro, l’Inter si gode l’investimento

Raggiunto Icardi, Lautaro guarda oltre. Due obiettivi per il Toro, l’Inter si gode l’investimento

Ottima stagione per Martinez al primo anno in Italia con la maglia dell’Inter

di Andrea Della Sala, @dellas8427
Lautaro Martinez esulta in maglia Inter

L’Inter sta piano piano scoprendo Lautaro Martinez. La prestazione nel derby ha dato un’altra conferma della bontà dell’investimento del club nerazzurro e ha dato certezze a Spalletti per il finale di stagione, anche in assenza di Icardi.

“I 9 gol segnati da Mauro Icardi nella sua prima stagione all’Inter sono stati raggiunti. Ora Lautaro Martinez guarda già oltre, perché mancano ancora dieci giornate in campionato e l’argentino – che da ieri ha raggiunto la sua nazionale a Madrid – ha messo nel mirino un doppio obiettivo: arrivare in doppia cifra totale, facendo così meglio dell’amico-connazionale Maurito, ma anche in doppia cifra nella sola Serie A, dove oggi si trova a quota 6. Martinez non ha tremato nell’ultimo mese quando l’Inter e Spalletti gli hanno dato le chiavi dell’attacco. Si è preso le sue responsabilità nonostante i soli 21 anni e – in campionato – ha aiutato l’Inter a mantenere la zona Champions in un periodo complicato, ritrovando domenica sera il terzo posto con un assist e il gol che di fatto ha consegnato i tre punti ai nerazzurri. In pochi si aspettavano questo impatto di Martinez. Perché è vero, per esempio Piatek all’esordio in Italia ha sbalordito segnando 19 reti in Serie A, ma il polacco ha due anni in più del “Toro” e arriva comunque da un paese europeo, per cui il salto da noi è stato meno traumatico. E poi Martinez si è fatto sei mesi di anticamera alle spalle di Icardi, mentre il “Pistolero” è partito fin dall’estate con una maglia da titolare nel Genoa. Insomma, Martinez sta convincendo tutti e il primo a sorridere, più di Spalletti, è indubbiamente il ds Ausilio che a inizio febbraio 2018 partì per l’Argentina per strappare il giocatore a una ricca concorrenza, allora formata soprattutto da Atletico Madrid e Borussia Dortmund. L’Inter investì 20 milioni più bonus per Lautaro, una cifra considerevole, ma oggi completamente “digerita”. Perché magari Martinez non varrà ancora i 111 milioni fissati nella clausola di rescissione, ma il suo valore oggi si avvicina sicuramente ai 50 milioni, più del doppio di quanto speso per averlo”, analizza Tuttosport.
0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy