Repubblica – L’Inter si sfalda. Ranocchia, mossa da oratorio. Spalletti resta, ma…

Repubblica – L’Inter si sfalda. Ranocchia, mossa da oratorio. Spalletti resta, ma…

Il giornale nazionale fa il punto dopo la sconfitta con il Bologna e parla dell’allenatore nerazzurro e della scelta di schierare il difensore come centravanti

di Eva A. Provenzano, @EvaAProvenzano

La Repubblica, nella sua analisi su Inter-Bologna, pone l’accento su due aspetti: il tracollo della squadra e i buu arrivati dalla Curva Nord su Mbaye. “Sull’Inter sono piovuti tutti i fischi che San Siro può fischiare. Sul bolognese Mbaye, verso la fine, anche qualche buu dalla Curva Nord, subito sovrastato dalla disapprovazione del resto dello stadio, che probabilmente non voleva altre rogne oltre a quelle che già ha da questa squadra che si sta sfaldando partita dopo partita, quasi azione dopo azione, incapace di reggere il peso degli occhi di cinquantamila persone addosso mentre quelli di Spalletti fissavano nel vuoto. Se gli capitasse di puntarli su un calendario, ci vedrebbe dei giorni contati da qui a un futuro che non c’è, anche se la stagione dovrebbe portarla a termine, salvo tracolli“, si legge in un articolo firmato da Emanuele Gamba. Una nota poi sull’uso di Ranocchia come mossa della disperazione: “Spalletti ha provato ad evitare la sconfitta con una mossa oratoriale (detto senza offesa: gli schemi dell’oratorio possono essere una ricchezza insospettabile), ovvero piazzando Ranocchia a fare il centravanti nell’ultimo quarto d’ora. Lo stopperone l’ha fatto pure benino, sfiorando il gol in acrobazia, ma non è ammassando giocatori in area e sparando palloni a casaccio ( ha avuto senso togliere Cedric, che le cose migliori le aveva fatte al cross?) che l’Inter poteva liberarsi dalla tremarella“, conclude il giornalista.

(Fonte: La Repubblica 4-2-2019)

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy