Repubblica – Milan, Yonghong Li voleva rifinanziare il debito con i bitcoin

La mossa del proprietario rossonero non è riuscita: tempi troppo stretti e poche garanzie

di Francesco Parrone, @FrankParr

Dall’agosto 2016 proprietario del Milan, ha contratto un debito con il fondo Elliott da 373 milioni, a cui se ne dovranno aggiungere altri 35 per il prossimo aumento di capitale. Queste alcune novità dal quotidiano la Repubblica: “Il rifinanziamento del debito col fondo Elliott utilizzando i bitcoin. È il tentativo, fallito, che il presidente del Milan Yonghong Li ha messo in piedi un paio di mesi fa, rivolgendosi a un’agenzia specializzata. Il progetto di ricorrere alla criptovaluta non è riuscito: stretti i tempi e insufficienti le garanzie finanziarie per mettere a punto un sistema che club come Bayern e Manchester United stanno studiando nel merchandising. L’ad Fassone e Li Han, braccio destro in cda di Yonghong Li, si sono impegnati a Londra negli incontri con l’advisor, la banca d’affari Merrill Lynch, a trovare entro fine mese chi rifinanzi il debito con Elliott. Le scadenze incombono: entro i primi giorni di aprile, mister Li deve versare i primi 10 milioni dell’aumento di capitale di 35, necessario per far quadrare i costi di gestione.

L’Uefa attende sviluppi per poter iscrivere il Milan alle Coppe. Il club è stato convocato a Nyon per il 19 e 20 aprile: l’esame della documentazione è previsto entro la fine di aprile e nelle prime due settimane di maggio ci sarà il pronunciamento. Se Li non pagherà il debito o non riuscirà a rifinanziarlo, Elliott sarà proprietario del Milan entro l’estate, per poi rivenderlo in autunno. Oltre all’interessamento del fondo arabo che fa capo al broker di Dubai Saeed Al-Falasi, è emerso quello di una cordata russa”.

-Mercato Inter, missione Tousart: il Lione però vuole più di 25 milioni. I nerazzurri…

 

(Fonte: la Repubblica 26/3/18)

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy