Sanz e la CL del ’98: “Heynckes era distrutto, ai giocatori dissi che erano dei figli di…”

La rivelazione dell’ex presidente del Real Madrid sulla vittoria della Champions del 1998

di Gianni Pampinella

Lorenzo Sanz, ex presidente del Real Madrid, ha ricordato il suo periodo da presidente delle merengues, con particolare attenzione al raggiungimento della settima Champions League. E qui arriva una rivelazione sull’allenatore che in quell’anno era in panchina, Jupp Heynckes. “E’ stata una vittoria impressionante. Sportivamente è stata la più importante finale che il Real Madrid abbia vinto nella sua storia, dal momento che erano 32 anni che non vincevano. Ma all’interno della squadra c’erano molti problemi Una settimana prima della partita con la Juventus (finale vinta 1-0 con un gol di Mijatović, ndr) ho parlato con Jupp Heynckes e gli chiesi: ‘Come stai?’. Lui mi rispose: ‘Sono devastato Presidente, non ce la faccio con questa squadra. Così chiamai sette o otto giocatori, i più rappresentativi della squadra, e dissi loro: ‘Jupp non ce la fa più con voi, che siete figli di p …’ e non può vincere con voi’. Siamo diventati campioni d’Europa, ma logicamente qualcuno che ti dice che non può lavorare con la squadra non può continuare. Spiegare che l’allenatore che ci aveva fatto diventare campioni d’Europa non sarebbe rimasto era complicato, ma non potevo lasciare la situazione così com’era“.

(O Jogo)

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy