Scarpini: “Giusti i fischi dei tifosi, mai più partite così. Non è questa la strada, ora serve…”

Scarpini: “Giusti i fischi dei tifosi, mai più partite così. Non è questa la strada, ora serve…”

di Simona Castellano, @Simo_Castellano

Roberto Scarpini, durante il collegamento dal Meazza, ha commentato la prestazione dell’Inter contro il Parma. 

Queste le sue parole: “I tifosi giustamente hanno fischiato, chi ci scrive è arrabbiatissimo. Non ci sono stati spunti, azioni degne di nota, il Parma senza far niente ha portato a casa un punto, questa è la parte più difficile da accettare. Buona fase difensiva degli avversari che hanno provato a giocare sulle ripartenze, noi abbiamo accelerato nei 10 minuti finali, anche con Ranocchia davanti, ma è troppo poco. Non è questa la strada, abbiamo il dover di cercare di fare il meglio, non perché di fronte avevamo il Parma. Giocando così contro chiunque non fai niente, c’è poca cattiveria nel cercare di mangiare l’avversario. La volontà i giocatori l’hanno messa, è innegabile, ma non basta, non è sufficiente e insisto: non è questa la strada. Non meritavamo più del pari e i fischi, invece, erano meritati. Quando giochi così il pubblico alla fine fischia. A Genova uscivamo più motivati, nonostante la sconfitta. Oggi non meritavi di vincere la partita, questo fa arrabbiare tifosi, allenatore, dirigenti. Spesso abbiamo meritato di vincere tante partite e poi per vari motivi non abbiamo vinto. Oggi più possesso palla, ma se poi sei lento nel far girare il pallone, se non crei occasioni, non serve. Queste partite sono quelle “vetrina” per i giocatori di una squadra con il Parma, perché consentono di mettersi in mostra. Ora serve un’inversione clamorosa di rendimento, partite così non si possono vedere, per rispetto verso i tifosi, verso la società e anche verso i calciatori stessi. Fino a 15 giorni fa la prestazione è stata nettamente diversa. Un avversario forte dà maggiori stimoli? Basta questo?”. 

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy