Serie A, le big cambiano: Conte rivoluziona l’Inter, ma un fattore può rovinargli i piani

Serie A, le big cambiano: Conte rivoluziona l’Inter, ma un fattore può rovinargli i piani

I nerazzurri archiviano il biennio spallettiano e voltano pagina con l’ex ct della Nazionale

di Fabio Alampi, @FabioAlampi
Antonio Conte, Lugano-Inter

In Serie A si cambia: 4 delle prime 6 classificate dello scorso campionato avranno un nuovo tecnico, con idee tattiche e schemi diversi: tra loro anche l’Inter, che con Conte svolterà radicalmente dopo il biennio targato Spalletti. Il Corriere della Sera analizza così la situazione: “Si cambia. Tutti. O quasi. Quattro delle prime sei classificate dell’ultima stagione hanno oggi un altro allenatore. Ma c’è di più. C’è una mutazione di idee, uomini, strategie. Soprattutto strategie, nel senso proprio di sistemi di gioco. La tattica. Il modo di provare ad arrivare in porta, di cercare il gol. È la rivoluzione della serie A, che si trasforma perché è costretta farlo. Ed è una trasformazione reale, profonda, radicale. Perché a insegnarlo è la storia stessa, quella vera: per ribaltare la dittatura, l’unica soluzione è la rivoluzione. Ma che la serie A si appresti a vivere una stagione di svolta lo dimostra ancor di più il fatto che qui pure i dittatori si stiano preparando a un anno zero“.

LA NUOVA INTER DI CONTE – “La rivoluzione più radicale è quella dell’Inter. «Testa bassa e pedalare» è lo slogan del neo allenatore Conte, il duro al quale la proprietà cinese si è affidata per provare a colmare il distacco oggi ancora enorme con la Juve. Addio 4-2-3-1 o 4-3-3 spallettiano, largo alla difesa a tre con centrocampo a cinque. Ma c’è un buco nero in attacco che rischia di guastare i piani: fra il caos Icardi e l’affare Lukaku bloccato, davanti oggi c’è una «X». Guaio serio“.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy