Stoppini (GdS): “Zhang Jindong, blitz in Italia è simbolico. Inter in una nuova dimensione”

Stoppini (GdS): “Zhang Jindong, blitz in Italia è simbolico. Inter in una nuova dimensione”

Il giornalista de La Gazzetta dello Sport ha parlato dell’arrivo a Milano del patron di Suning

di Andrea Della Sala, @dellas8427
Inter, oggi Zhang sr alla Pinetina, domani sede e stadio

L’arrivo di Zhang Jindong carica l’Inter per il debutto in Champions League. Ne ha parlato su La Gazzetta dello Sport il giornalista Davide Stoppini:

“Non si vedeva ad Appiano da due anni e mezzo, Zhang Jindong non è tipo che si muove per nulla. A marzo, giusto per rendere l’idea, s’era catapultato a Roma in compagnia del presidente cinese Xi Jinping: erano i giorni della Via della Seta. Oggi la via che percorre Jindong ha sempre il sottotitolo degli affari. Sul titolo, ovvero sul protagonista, c’è sempre un po’ di mistero. Di Jindong si sa poco, dei suoi spostamenti ancora meno, di tutto quel che riguarda la sua vita privata neppure a parlarne: c’è desiderio di riservatezza, è una sua precisa volontà. Ma quel che si può certamente affermare è che Jindong ha voglia di scoprire Milano. Il suo blitz nel centro sportivo di Appiano che ormai porta il nome della sua azienda – planato nel primo pomeriggio direttamente da Malpensa – è simbolico. Proprio perché avviene nel momento di maggiore crescita dell’Inter, nei giorni in cui la squadra e la società sembrano aver capito come mostrare i propri muscoli, senza il rischio di incappare in brutte figure. Il caso poi ha condito il viaggio del chairman nerazzurro con il primo posto in classifica in Serie A”.

“Stasera l’esordio in Champions League, la vetrina più splendente che ci sia, e guai a sminuire il valore di un marchio che gira il mondo, cosa da sempre cara a chi ha creato dal nulla l’impero Suning. Che l’Inter sia il mezzo ideale per allargare gli orizzonti della famiglia Zhang, è fuori di dubbio. Oggi Jindong avrà occasione di visitare la nuova sede del club, avamposto di una famiglia che a Milano vuole mettere radici. Il progetto è a lungo termine, con step intermedi che sono lunghi, a volte interminabili se pensati con le logiche italiane. Ma adesso l’Inter è entrata in una dimensione nuova. E chissà che Zhang Jindong, carismatico oltre che misterioso, ieri non abbia dato l’ulteriore spinta per la rincorsa verso il successo. Parola che apre il vocabolario di Nanchino, mica favole”.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy