Zamorano, la ex confessa: “Ci lasciammo, dovevamo sposarci ma io volai in Spagna da…”

Zamorano, la ex confessa: “Ci lasciammo, dovevamo sposarci ma io volai in Spagna da…”

La modella, ex compagna del giocatore nerazzurro, confessa per la prima volta i dettagli del loro matrimonio saltato

di Redazione1908

Non lo aveva mai raccontato prima. Maria Eugenia “Kena” Larraín, ex di Ivan Zamorano, ha rivelato i motivi della rottura e delle mancate nozze. La modella lo ha fatto in occasione del programma cileno Primer Plano. Nel 2004 la coppia si sarebbe dovuta sposare e già si parlava del matrimonio più mediatico del Cile. Ma improvvisamente la modella scomparve dalle telecamere e Zamorano fu costretto ad annunciare pubblicamente che la relazione si era conclusa bruscamente. Larrain racconta: “Ricordo che il giorno in cui ruppi con Ivan, sabato, lui prese le sue cose, andò a casa di sua madre, perché vivevamo nel mio appartamento. Domenica, chiacchierando su Hotmail Messenger, mi appare un messaggio di Carlos Moya (il suo ex-ragazzo) che mi scrive ‘ciao, come stai?'”.

La modella e il tennista erano stati insieme nel 1998 e quando si erano lasciati erano rimasti in buoni rapporti. Maria prosegue e racconta: “Moya mi scrive e mi chiede ‘come stai?’. E lì, in quel momento, stava andando tutto male. Sapevo quello che mi sarebbe successo, con tutto il Cile contro. E abbiamo iniziato a parlare, gli ho detto che avevamo rotto il giorno prima. Abbiamo chiacchierato per un lungo periodo di tempo e alla fine mi dice, ‘vuoi venire in Spagna?’. Ho detto ‘bene’ e ho preso l’aereo e sono volata in Spagna”. Secondo Larrain lei e Ivan non avevano fissato una data per il matrimonio civile, ma Zamorano l’avrebbe fissato per il giovedì della settimana in cui lei era in viaggio. “Non aveva sospeso nulla. Mercoledì ha fatto il suo addio al celibato e io non ero in Cile”. L’ex giocatore dell?inter ha poi incontrato Maria Albero con la quale si è sposato e ha avuto una figlia.

 

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy