Inter, schiaffo alla Uefa: ha scelto di perdere e avrebbe potuto vincere. Zhang ha preferito la salute

Inter, schiaffo alla Uefa: ha scelto di perdere e avrebbe potuto vincere. Zhang ha preferito la salute

Le tempistiche della Uefa hanno creato un danno all’Inter. Nessun rimpianto in casa nerazzurra, Steven Zhang ha scelto di mettere la salute dei tesserati al primo posto

di Redazione1908
Le tempistiche della Uefa hanno creato un danno all'Inter. Nessun rimpianto in casa nerazzurra, Steven Zhang ha scelto di mettere la salute dei tesserati al primo posto

Steven Zhang lo ha detto in tempi non sospetti: al primo posto, in casa Inter, c’è e ci sarà sempre la salute dei tesserati. Il presidente dell’Inter è stato di parola e ha imposto alla sua squadra Primavera di ritirarsi volontariamente dalla Youth League.

Una scelta che, sportivamente parlando, ha rappresentato un autogol per l’Inter. A distanza di pochi giorni, infatti, la partita tra Juventus e Real Madrid è stata rinviata e i bianconeri potranno tranquillamente proseguire la loro corsa una volta che il torneo sarà ripreso. Ma c’è di più: l’Inter dovrà persino essere giudicata dalla Commissione Etica della Uefa per il ritiro spontaneo.

L’Inter è rimasta amareggiata ma non pentita, svela il Corriere dello Sport. Steven Zhang è stato chiaro: non si corrono rischi per la salute degli atleti. Tanto è vero che la stessa Inter aveva proposto il cambio di sede, con Coverciano al posto di Sesto San Giovanni.

Vista la logica della Uefa, con il rinvio delle partite successive a quella dell’Inter, i nerazzurri avrebbero addirittura potuto vincere a tavolino, qualora il Rennes non si fosse presentato in Lombardia. Invece, l’Inter ha scelto di anticipare i tempi. Ha scelto di perdere, in barba alla decisione della Uefa di prendere tempo pur di giocare ogni partita.

I nerazzurri saranno addirittura puniti per questo? Tutto da vedere. Ma intanto Steven Zhang la sua vittoria l’ha già avuta: la coerenza.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy