FC Inter 1908
I migliori video scelti dal nostro canale

copertina

Onana: “Una cosa mi ha aiutato a gestire la pressione. Quando sono tornato, sono salito…”

Getty Images

In una lunga intervista al Guardian, il portiere affronta diversi temi

Gianni Pampinella

In una lunga intervista al Guardian, André Onana affronta diversi temi: la squalifica per doping, il ruolo del portiere e il ritorno in campo. "È incredibile: 40 mg possono distruggere una carriera", esordisce il portiere dell'Ajax. "Hanno riconosciuto che era un vero errore, ma sei responsabile di tutto nel tuo corpo. Se compro una bottiglia d'acqua che risulta contaminata, è mia responsabilità. Quando sei squalificato non puoi mettere piede sul campo di allenamento del club, non puoi entrare nello spogliatoio. Con l'Ajax abbiamo vinto il campionato, avevo giocato il 60% delle partite e non mi era permesso festeggiarlo. Alcune cose nella vita non dipendono da te e devi solo essere pragmatico".

 Getty Images

IL RUOLO - "Il portiere è un ruolo ingannevole. Dall'esterno non si capisce quanta pressione ci sia. Un esempio: Stoccolma, la finale di Europa League. Sei mesi prima ero il portiere della seconda squadra. Contro il Manchester United cambia tutto. Il mondo intero che guarda. Arrivo e dico all'allenatore che non posso giocare, non mi sento bene. Abbiamo perso perché eravamo molto giovani. Uno è infortunato, un altro non si sente bene, guardiamo tutti per terra, spaventati. Ma abbiamo perso solo per piccoli dettagli e dopo mi sono detto: mai più avrò paura nel calcio. Questo mi ha aiutato a gestire la pressione".

 Getty Images

IL RITORNO IN CAMPO - "Se gioco è un onore. Era strano tornare a giocare di nuovo. Ero nervoso, ma dipende da cosa hai fatto per nove mesi. Ero pronto dal primo giorno. Il calcio è un 'gioco', ma quando c'è così tanto in gioco non c'è molta umanità. Essere squalificati non è una buona cosa ma impari così tanto, scopri chi conta davvero nella tua vita. Mi ha aiutato a lavorare su altri aspetti: più tempo per allenarmi, guardarlo indietro, apportare correzioni. Quando sono tornato, sono salito sulla bilancia, senza maglietta, e hanno detto: 'Dannazione , non eri così quando te ne sei andato.' Sono felici per me. Tanti dicevano: 'André, se fosse successo a me, mi sarei lasciato andare'. Ma quando il gioco si fa duro devi diventare ancora più duro".

(Guardian)

tutte le notizie di