Asamoah: “È un’altra Inter rispetto all’andata”. Perisic: “Qui per vincere. Io in Premier…”

Asamoah: “È un’altra Inter rispetto all’andata”. Perisic: “Qui per vincere. Io in Premier…”

La conferenza stampa dei due giocatori alla vigilia di Tottenham-Inter

di Gianni Pampinella

Alla vigilia dell’attesissima sfida di Champions League tra Tottenham-Inter, in conferenza stampa parlano Ivan Perisic e Kwadwo Asamoah. FcInter1908 vi riporta la diretta testuale della conferenza.

PERISIC: “Come mi sento a tornare a Wembley? È stata una bella esperienza. un ambiente e un clima caloroso, non vedo l’ora di giocare domani, anzi tutti noi perché sappiamo che sarà una partita importante. Sappiamo che ci basta un punto, ma noi giocheremo per vincere come sempre. Le piacerebbe giocare in Inghilterra? Ho sempre detto che è il mio sogno giocare in Inghilterra, vedremo cosa succederà in futuro, nel calcio non si sa mai. Ma adesso sono concentrato sull’Inter. Sappiamo che sarà difficile perché giocheremo contro una buona squadra, se giochiamo per prendere un solo punto perdiamo sicuro. Dobbiamo giocare per vincere. Il Mondiale? Ho detto tante volte che i numeri non mi interessano, mi interessa che la mia squadra vince. Ho fatto solo un po’ di riposo e la preparazione non è stata fatta molto bene perché non ho avuto tanto tempo. Sto lavorando duro tutti i giorni per dare sempre il massimo. Cosa cambia nel mio modo di giocare rispetto alla Croazia? Tutti gli allenatori chiedono quello che vogliono e noi giocatori dobbiamo ascoltare. A volte giochiamo con un altro sistema in Nazionale, ma come sempre dobbiamo ascoltare l’allenatore. La concorrenza di Keita? So le qualità che hanno i miei compagni, ci sono tante partite non possiamo giocarle tutte, dobbiamo essere sempre a disposizione“.

ASAMOAH: “Siamo qua per portare a casa la vittoria. So che non è semplice perché questo è un campo molto difficile. Però noi con questa mentalità che portiamo in campo possiamo portare a casa un buon risultato. Come squadra siamo cresciuti tanto rispetto all’andata, per tanti miei compagni era la prima partita di Champions. Adesso abbiamo più fiducia, anche per me che da non un po’ non giocavo titolare“.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy