Barella, arriva il vertice tra i pezzi grossi: l’Inter cambia l’offerta, ecco come proverà a chiudere

Barella, arriva il vertice tra i pezzi grossi: l’Inter cambia l’offerta, ecco come proverà a chiudere

Proseguono i contatti per il centrocampista del Cagliari

di Fabio Alampi, @FabioAlampi
Nicolò Barella, Italia, 2019

Proseguono i negoziati tra Inter e Cagliari per Nicolò Barella: il centrocampista rossoblu (attualmente impegnato con l’Italia agli Europei Under 21) è da tempo in cima alla lista dei desideri dei nerazzurri, ma il club sardo non intende fare sconti. L’Inter, forte del gradimento del giocatore, non molla la presa, e continua a studiare nuove formule per convincere il presidente Giulini. Così scrive La Gazzetta dello Sport:

Potrebbe essere necessaria più di una settimana per arrivare a una svolta sull’altro rinforzo, questa volta per il centrocampo, individuato da Marotta e Ausilio. Anche Nicolò Barella ha virtualmente sposato, da tempo, la causa interista.

Anche in questo caso, però, c’è una certa distanza fra offerta interista e richieste del Cagliari. Giulini ha messo da tempo il cartellino del prezzo sul giocatore: 50 milioni. E da lì sembra non avere nessuna intenzione di muoversi. L’Inter ha prima lavorato sulle contropartite: c’è l’accordo per inserire nel pacchetto Dimarco (in prestito con diritto di riscatto o in cessione secca), un secondo nome potrebbe aggiungersi pescando fra i protagonisti dell’ultima Primavera.

La società nerazzurra non è disposta a partecipare ad aste, ma intanto sta provando a rimodulare entità e condizioni dei bonus, che potrebbero aumentare restando legati a risultati importanti di squadra. Il tutto per non salire nella quota fissa, i 35 milioni messi sul piatto. La trattativa è partita anche «fisicamente» una decina di giorni fa con l’incontro fra i d.s. Ausilio e Carli, dovrebbe proseguire con un nuovo vertice a cui siano presenti anche l’a.d. Marotta e il presidente Giulini“.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy