Icardi non vuole lasciare l’Inter. No alla cessione, disposto a partire solo per due destinazioni

L’attaccante dell’Inter disposto ad aspettare fino alla fine del suo contratto

di Andrea Della Sala, @dellas8427

In casa Inter a tenere banco è ancora Mauro Icardi. Il futuro del numero 9 argentino è in dubbio e su di lui si stanno interessando alcuni grandi club. La moglie e agente continua a confermare che Mauro non vuole lasciare l’Inter e Milano e questa sembra essere anche la volontà del calciatore. Secondo quanto rivela il Corriere della Sera, infatti, Icardi non vuole andarsene dall’Inter e il club non lo vuole svendere: “Mauro Icardi non ha intenzione di lasciare l’Inter. È convinto che la sua storia in nerazzurro non sia affatto finita, lo ha fatto capire alla società e lo ha detto a chiare lettere la moglie-agente, Wanda Nara”.

“Non parole di circostanza, ma realtà. L’argentino ha un contratto fino al 2021, altre due stagioni. Fino a qualche mese fa si parlava di rinnovo, il tema è stato accantonato dopo la degradazione da capitano a giocatore semplice. Quella tra Icardi e l’Inter è diventata una guerra di posizione. Il club vorrebbe incassare almeno 70 milioni dalla cessione del centravanti, offerte però non ce ne sono. Resta ancora ipoteticamente in piedi lo scambio con la Juventus per Paulo Dybala, si è parlato anche di un interessamento del Napoli che offrirebbe Lorenzo Insigne. Di concreto c’è poco, mentre invece è convinta la posizione di Icardi. L’attaccante, che probabilmente partirà dalla panchina anche domani nella sfida contro la Juventus, sa di avere molte frecce al suo arco. È disposto a restare per i prossimi due anni all’Inter e ad adeguarsi alle richieste tecniche dell’allenatore, qualunque sarà. Spalletti ha le sue chance, Icardi spera però ne arrivi uno nuovo per ricominciare daccapo e chiudere con il passato. Recuperare il rapporto con Spalletti non è semplice, il giocatore però non ha intenzione di farsi da parte o accettare qualunque destinazione gli proporrà la società. Partirà solo per una destinazione a lui gradita e non ce ne sono molte: Juventus o Madrid, Atletico o Real che sia. L’argentino sa di rischiare molto, è convinto però che la sua gestione da panchinaro sia un problema più per l’Inter di Spalletti che per sé. Il rischiatutto di Icardi è comunque calcolato. Ha compiuto 26 anni due mesi fa, è disposto a spendere un’altra stagione nell’Inter ed è convinto di riprendersi il posto da titolare, anche se sa bene che non riavrà più la fascia. Se è vero che la Curva Nord lo ha bollato come traditore, è vero anche che la maggior parte del pubblico è con lui”, spiega il quotidiano.

“Togliergli la fascia è stato un provvedimento forte, Icardi però ha tenuto duro e, alla fine, è rientrato senza piegarsi. La questione si è risolta nel breve periodo, non è invece stata definita nel lungo termine. C’è poi il caso contratto. Senza rinnovo Icardi perde in termini di guadagno, ma l’argentino sa che l’Inter non può permettersi di portarlo a scadenza: non riuscire a venderlo in questa sessione di mercato significa portarlo a scadenza il prossimo giugno oppure rinnovargli il contratto. Due anni sono lunghi, Icardi però è convinto di poter aspettare”.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy