Inter-Milan, i consiglieri chiedono una nuova perizia per la ristrutturazione di San Siro

Nuovi sviluppi sulla vicenda stadio

di Marco Macca, @macca_marco

Una nuova perizia, realizzata da terzi, per valutare i costi e i tempi di una ristrutturazione dello stadio di San Siro. È la richiesta bipartisan che arriva dai consiglieri comunali di Milano che si sono riuniti per la seconda commissione dedicata al progetto del nuovo stadio che Inter e Milan vorrebbero realizzare. I consiglieri di maggioranza e opposizione non sono soddisfatti della soluzione portata da Inter e Milan sulla ristrutturazione del Meazza, che sarebbe onerosa e porterebbe a uno stop del gioco di 4 anni.

Oltre a Fabrizio De Pasquale, capogruppo di Forza Italia, si sono aggiunti alla richiesta di una perizia da parte di terzi, il consigliere del Pd, Alessandro Giungi, contrario all’abbattimento di San Siro: “Vorrei avere una perizia terza sulla ristrutturazione come chiede anche Forza Italia“, ha sottolineato Giungi. Anche la Lega con il consigliere Gabriele Abbiati si è associato alla richiesta, mentre Basilio Rizzo minaccia di ricorrere al Tar “per avere tutti i documenti che è in mio diritto avere” sul progetto delle squadre.

In commissione ha preso la parola anche il promoter di concerti e spettacoli dal vivo, Claudio Trotta, che organizza e porta in Italia i concerti di Bruce Springsteen. Secondo lui nei progetti del nuovo stadio non ci sarebbe spazio e considerazione per la musica dal vivo:

Dal 1980 San Siro ha ospitato 130 concerti per 6 milioni e mezzo di persone, 29 di Vasco, 16 di Ligabue, 7 di Bruce Springsteen, per citarne solo alcuni. La domanda è: tutto questo non conta? Le due squadre hanno una convenzione con il Comune e San Siro è dei cittadini di Milano. È la Scala del calcio ma anche della musica e dello spettacolo, questo conta o no? Credo che bisognerebbe studiare un po’ meglio e capire perché non si può ristrutturare“.

Infine, la voce ambientalista con Carlo Monguzzi del Pd che ha sottolineato come “il Pgt parla chiarissimamente di diminuire il consumo di suolo e questa per me è la stella polare. Quindi ciò che succede a San Siro non può andare nella direzione opposta“.

(Fonte: ANSA via Calcio e Finanza)

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy