Inter, Moratti e il 5 maggio: “Spero siano state solo stupidaggini ma i giocatori erano certi che…”

Massimo Moratti torna sul momento più doloroso della sua presidenza

di Redazione1908

Massimo Moratti, ex presidente dell’Inter, ha concesso una lunga intervista a Gianlucadimarzio.com, ripercorrendo tutte le tappe della sua presidenza. Con una parentesi anche sul momento più cupo, il 5 maggio del 2002, con lo scudetto perso all’Olimpico contro la Lazio: “Se devo pensare alla delusione più grossa, quella vera, penso al 5 maggio. Non si può dare la colpa a Gresko: era un terzino in mezzo a tanti campioni. Ero talmente svuotato dal pareggio del primo tempo che nemmeno andai negli spogliatoi. I giocatori erano convinti, per calcoli assurdi, che tanto la Lazio si sarebbe arresa per non fare un piacere alla Roma. Tutte stupidaggini e spero siano state solo quelle”.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy