Inter, tre affari mai digeriti da Conte: Dzeko, Llorente e Vidal. I motivi per cui sono saltati

Inter, tre affari mai digeriti da Conte: Dzeko, Llorente e Vidal. I motivi per cui sono saltati

Il tecnico avrebbe voluto questi tre nomi a disposizione

di Marco Astori, @MarcoAstori_
Conte all'Inter

Nonostante la campagna acquisti molto numerosa e molto onerosa, Antonio Conte non è contento, come confermano le sue parole dopo la sconfitta contro il Borussia Dortmund. E La Gazzetta dello Sport spiega quali nomi avrebbe voluto il tecnico nella sua Inter: “Sono tre i nomi che agitano ancora i sogni di Antonio Conte: Dzeko, Vidal e Llorente, ovvero quei giocatori che l’allenatore aveva espressamente chiesto alla società per chiudere il mercato estivo secondo i piani. E invece è andata diversamente e oggi Conte se si guarda indietro ha più di un rimpianto.

Dzeko

Innanzitutto per Edin Dzeko, che si era già promesso ai nerazzurri ma poi è rimasto alla Roma (per fortuna dei giallorossi). Con Icardi messo alla porta, il tecnico voleva due attaccanti forti fisicamente come il bosniaco e Lukaku, più Lautaro. Ma l’Inter non ha chiuso l’affare a 20 milioni e dopo Ferragosto, con Romelu già vestito di nerazzurro per 75 milioni e Maurito ancora lontano dall’essere venduto, Edin e la Roma hanno preso un’altra strada. Rinnovo sino al 2022, grande feeling con il tecnico Fonseca e messaggi d’amore per i giallorossi: «La Roma è casa mia. Qui c’è tutto per vincere un trofeo e sono felice di rimanere a lungo». Ergo: Lukaku in, Dzeko out.

L’alternativa

Sfumato Edin – prosegue il quotidiano -, Antonio aveva bussato nuovamente alla porta di Zhang per chiudere l’affare con due fedelissimi ai tempi della Juve, Fernando Llorente e Arturo Vidal. Lo spagnolo, svincolato dal Tottenham, era l’uomo perfetto per far riprendere fiato a Lukaku: esperienza internazionale, conoscenza del metodo Conte (e di quello Marotta), voglia di giocare ancora la Champions. Icardi era ancora ad Appiano e alla fine l’Inter ha deciso di non affondare sullo spagnolo, poi finito al Napoli, anche perché Politano – che Conte vedeva e vede solo come attaccante – non si è mosso.

Il totem in mezzo

L’altro nome caldo è quello di Vidal. Antonio sul cileno, con cui ha condiviso gli anni di vittorie bianconere, non ha comunque perso le speranze per gennaio. Il mercato gli ha portato Sensi e Barella, a oggi sorpresissime (anche per il tecnico) dei nerazzurri, però Conte si immaginava un centrocampo con un uomo che avesse facilità a trovare il gol, grande personalità ed esperienza. Un identikit che calza a pennello addosso al giocatore del Barcellona. Ma non se n’è fatto niente, anche perché Borja Valero è rimasto ad Appiano. Però non avere in mezzo un totem come piace a Conte resta un problema: ecco perché Antonio si aspetta che l’Inter faccia qualcosa”, conclude la Rosea.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy