Juventus, con Inzaghi assalto all’Inter per Icardi: è in cima alla lista per un motivo preciso

Juventus, con Inzaghi assalto all’Inter per Icardi: è in cima alla lista per un motivo preciso

La Juventus punta Icardi

di Marco Macca, @macca_marco
icardi batte il rigore contro il napoli

La Juventus, dopo l’addio di Massimiliano Allegri, è alla ricerca di un nuovo allenatore. Come noto, i nomi principali in questo momento per i bianconeri sono da una parte Maurizio Sarri e dall’altra Simone Inzaghi. In particolare, Tuttosport racconta che, qualora sulla panchina della Juve dovesse sedersi l’attuale tecnico della Lazio, i bianconeri potrebbero fiondarsi su Mauro Icardi, perfetto eventualmente per il 3-5-2 che ha in mente lo stesso Inzaghi:

Dovesse essere lui il prescelto, il problema maggiore sarebbe convincere Lotito a liberarlo. Paratici potrebbe però trovare una soluzione in grado di risolverne contemporaneamente anche un altro, di problemi: il rinforzo a centrocampo, quella mezzala capace di abbinare tecnica e forza fisica. Il primo obiettivo nel ruolo è Paul Pogba, per distacco. E a Inzaghi non parrebbe vero. Dovesse sfumare il francese, la società bianconera potrebbe però regalargli quel Sergej Milinkovic Savic che proprio Inzaghi ha lanciato ed esaltato in biancoceleste e col quale ci sono stati nuovi contatti, con tanto di intesa di massima sull’ingaggio: alla Lazio il serbo guadagna 3 milioni all’anno più bonus, la Juventus non avrebbe problemi a raddoppiare, o quasi, la cifra. Milinkovic d’altra parte a Torino sarebbe andato anche la scorsa estate, ma né la società bianconera né le altre big europee si erano avvicinate ai 120 milioni chiesti da Lotito (…). L’altro (obiettivo, ndr) sarà un centravanti, con Icardi in cima alla lista: il 3-5-2 di Inzaghi potrebbe favorire la coesistenza dell’argentino con Ronaldo, senza altri attaccanti con cui dividersi spazi e occasioni e con tanti cross dalle fasce“.

©riproduzione riservata

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy