Lippi: “L’Inter rifiutava la mia juventinità. Che soddisfazione lo Scudetto del 5 maggio”

Lippi: “L’Inter rifiutava la mia juventinità. Che soddisfazione lo Scudetto del 5 maggio”

Il ct della Cina è tornato a parlare della sua negativa esperienza all’Inter

di Andrea Della Sala, @dellas8427

Marcello Lippi è tornato a parlare della sua esperienza, negativa, all’Inter. Il ct della Nazionale cinese, sul canale Dugout, ha parlato di cosa andò storto quando fu alla guida dei nerazzurri nel 1999-2000. Queste le sue dichiarazioni riprese da Il Giornale:

“In nerazzurro non ero ben visto perché difendevo la mia juventinità, questo per loro non andava bene. Ad Appiano non feci molto bene, nessuno accettava il mio modo di giocare. Che soddisfazione vincere lo scudetto con i bianconeri quanto tutti pensavano che lo vincesse l’Inter. Ricordo ancora quel 5 maggio. A Torino ho vinto perchè lavoravamo più e meglio di tutti”.

 

1 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. tommaso.valigi-Tv97 - 2 anni fa

    Un ct che ci ha portato sul tetto del mondo e un allenatore capace di vincere la Champions. La carriera di Marcello Lippi è tempestata di successi ed affermazioni. Non capisco perché questo continuo riferimento ad una stagione di cui ben pochi parlano con alcun interesse. Mi chiedo, anzi, come mai un così fermo affermare la sua “juventinità” sia venuto meno al momento della firma del contratto con la Beneamata – poteva tranquillamente denegare le proposte pervenutegli. Pertanto non mi sanno belle parole quelle di chi, cito il detto, “sputa sul piatto da cui ha mangiato”. Del resto neanche nessun interista cita Lippi o la “sua” Inter, preferendogli i Trapattoni (che, pur convintamente juventino anch’egli, all’Inter ha saputo affermarsi) o i Mourinho, con cui vincemmo il Triplete, con la Juve settima in classifica. Tempi andati però, sia gli uni che gli altri.

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy