Inter, un numero è il marchio di fabbrica di Conte: ecco perché Antonio vince tanto

L’approfondimento dei colleghi a proposito della squadra nerazzurra

di Daniele Vitiello, @DanViti
Antonio Conte

La Gazzetta dello Sport in edicola questa mattina si è soffermata su alcuni numeri che riguardano l’Inter: “Le statistiche di Lega Serie A e Opta non mentono: l’Inter è una squadra che si difende bene, corre tanto, è precisa in attacco, divide oneri e onori nello spogliatoio. In soldoni, i nerazzurri comandano nelle voci difesa meno battuta, difesa con meno tiri subiti nello specchio, percentuale tiri fatti nello specchio, numero marcatori, numero assistmen, gol di testa, fuorigioco e chilometri percorsi. Il primo dato è un marchio di fabbrica di Conte: Antonio vince, e vince tanto, grazie alla difesa. Handanovic, stakanovista nerazzurro con 47 partite su 48 nell’anno solare, ha incassato solamente 14 gol, 2 in meno della Lazio e 3 in meno di Juve e Roma: in 7 occasioni ha tenuto la porta inviolata, arrivando così a 101 clean sheet con i nerazzurri. Il merito non è solo di Handa, ma anche di chi gli sta davanti. Solo 57 tiri hanno centrato la porta dell’Inter (erano 83 con Spalletti l’anno scorso): anche se Godin non ha fatto vedere tutto il repertorio (e oggi c’è qualche dubbio sul suo futuro nerazzurro), De Vrij, Skriniar e compagnia sono stati essenziali nell’alzare il muro”.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy