FC Inter 1908
I migliori video scelti dal nostro canale

primo piano

Inter, Marotta: “Eriksen grande professionista. Procederemo con i rinnovi. Su Dzeko-Sanchez…”

Foto: Sky Sport

Direttamente dall'hotel Sheraton, dove si sta svolgendo l'ultima giornata di calciomercato, Beppe Marotta ha fatto il punto in casa Inter

Marco Macca

Un mercato povero, nel mezzo di una situazione difficile che, con ogni probabilità, segnerà il futuro del calcio. Beppe Marotta, amministratore delegato dell'Inter, ai microfoni di Sky Sport non ha usato troppi giri di parole per illustrare il difficile momento del calcio in generale. Il dirigente nerazzurro ha anche fatto il punto sulle mosse di casa Inter:

Foto: Sky Sport

MERCATO POVERO - "Viviamo l'ultimo giorno di mercato in rilassatezza. Sono qui in qualità di presidente dell'Adise. Purtroppo è un mercato povero, che di riparazione non ha nulla. Bisogna riconoscere che la pandemia ha giocato un ruolo determinante nell'economia mondiale. C'è una contrazione significativa nei ricavi dei club, e questo incidere sul potere di fuoco delle società, ovvero sulla loro capacità di investire sul mercato. E' una situazione paradossale e difficilissima, che porterà dei segni nei prossimi mesi e nelle prossime stagioni, come segnalato da autorevoli dirigenti. Oggi assistiamo a un costo del lavoro sproporzionato rispetto al fatturato, è quella l'ottica su cui dobbiamo incidere. Non assisteremo a mercati con grandi spese. Si ricorrerà a uno strumento che si praticava nell'antica Roma, ovvero il baratto.

Getty Images

ERIKSEN - "L'Inter è uno dei più grandi club del mondo. Di conseguenza, non esistono titolari e riserve, ma titolari e co-titolari. I giocatori vanno valutati non per i minuti giocati, ma per ciò che riescono a dare. Devono sempre rispondere alle richieste dell'allenatore e di conseguenza oggi contiamo su un gruppo di professionisti che sta dando il massimo. Eriksen è uno di quelli".

DZEKO-SANCHEZ - "La linea guida della società è sempre stata di non destinare nemmeno un euro a questo mercato. L'audacia dei procuratori è andata oltre alle possibilità potenziali dei club. Tanto che, al di là dell'incontro cordiale, non c'è stato altro".

MESSI - "E' un calcio ormai finito. I grandi ingaggi non ci saranno più, dobbiamo adeguarci alla situazione di emergenza. Non era assolutamente da immaginare alcun contatto".

(Fonte: Sky Sport)

tutte le notizie di

Potresti esserti perso