GdS – Nuovo modulo, Conte rivoluziona l’Inter: effetto sorpresa e nuova anima, ecco il piano C

Le novità in casa nerazzurra in vista della sfida delle 18:30 contro il Verona

di Alessandro De Felice, @aledefelice24

Per la sfida delle 18:30 contro il Verona, Antonio Conte pensa al piano C, o a quello che La Gazzetta dello Sport definisce piano S come ‘sorpresa’. “Per l’ultima del 2020 il tecnico dell’Inter valuta la possibilità di passare al 3-4-3 per una notte, viste le difficoltà palesate dai centrocampisti nelle ultime uscite“.

Un modulo che non rappresenta una novità per il tecnico leccese, che lo ha già utilizzato ai tempi del Chelsea e con il quale ha vinto la Premier League nella stagione 2016-2017. “Certo, allora fu necessario per esaltare la qualità in velocità di giocatori come Pedro e Hazard. Stavolta potrebbe essere la soluzione momentanea per tamponare la necessità di ritrovare un po’ di energie dopo un lungo filotto di dieci partite giocate in un mese“.

Getty Images

La Rosea aggiunge: “Conte chiede un ultimo sforzo alla sua squadra, che ha steccato la qualificazione agli ottavi di Champions ma che in campionato è riuscita a mettere insieme la seconda striscia record della sua gestione, con sei vittorie di fila. La settima, oggi a Verona, potrebbe addirittura valere il primo posto in classifica: Natale in vetta, insomma. Sarebbe il titolo perfetto per il film di Natale che il mondo interista sogna di vedere durante le feste“.

Conte prepara la rivoluzione in vista della trasferta di Verona: “La bocciatura di Eriksen e l’inserimento graduale di Sensi fanno pendere la bilancia verso questa nuova soluzione, con Perisic e Lautaro più larghi in partenza e Lukaku terminale offensivo. […] La difesa a tre, infatti, resterà confermata in blocco come nell’ultimo mese, con Skriniar, De Vrij e Bastoni a protezione di Handanovic. In mezzo al campo toccherà a Barella e Brozovic portare la croce e ordinare le idee, mentre Hakimi e Young agiranno al solito a tutta fascia. Ma la presenza di Perisic davanti a Speedy Achraf consentirebbe alla squadra di difendere col 4-4-2, con Hakimi pronto a scivola in difesa e Bastoni a scalare nel ruolo di terzino sinistro. Poi Perisic e Young esterni alti e la LuLa pronta a ripartire“.

I nerazzurri sono pronti a passare dal piano B al piano C: “Quel che è rilevante, però, è la volontà di Conte di provare a dare una nuova anima camaleontica alla sua squadra: il ritorno al 3-5-2 ha portato benefici ovunque. In campo, con la squadra più equilibrata, meno in sofferenza nella fase difensiva e anche più arrembante quando riesce a sfondare sulle fasce ed andare a chiudere l’azione con cinque uomini. […] Il 4-3-1-2 visto a Cagliari è un piano B di emergenza, quando le cose vanno male e c’è un risultato da ribaltare. Col 3-4-3 molti principi restano simili, ma si può sfruttare di più l’abilità e la potenza in accelerazione di Perisic, alleggerito in parte dai compiti di copertura. Insomma, le prove sono state fatte e oggi Conte sceglierà l’opzione migliore. Non forzare il rientro di Vidal potrebbe essere comunque un’idea saggia“.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy