Nainggolan vuole prendersi l’Inter: patto d’onore con la società, nel girone di ritorno…

Il centrocampista belga vuole riscattare una prima parte di stagione al di sotto delle aspettative

di Fabio Alampi, @FabioAlampi

Radja Nainggolan morde il freno: il centrocampista belga, dopo una prima parte di stagione condizionata da problemi fisici e vicende extra calcistiche, ha voglia di ripagare sul campo la fiducia che Spalletti e l’Inter hanno riposto in lui, a cominciare dalla gara di questa sera contro il Sassuolo, che potrebbe vederlo nuovamente in campo dall’inizio a quasi un mese dall’ultima volta (22 dicembre contro il Chievo). La Gazzetta dello Sport spiega così la voglia di rivalsa del centrocampista belga: “Il vero Ninja in casa Inter finora si è visto pochissimo, ma la rivoluzione di fine 2018-inizio 2019 non potrà che fare bene al centrocampista belga. Il patto d’onore stretto con Marotta-Ausilio-Spalletti è il punto di partenza per uno sprint lungo 5 mesi: l’Inter vuole vincere almeno un trofeo. E fondamentale, se non decisivo, dovrà essere l’apporto di Radja. Che è chiamato a tenere un basso profilo fuori dal campo e a prestazioni di alto livello – che poi è il livello per cui è stato pagato alla Roma 39,2 milioni compresi Santon e Zaniolo –, in campo. Già oggi, davanti agli oltre 11 mila bambini di San Siro con il Sassuolo, «mancato» all’andata per colpa dell’infortunio alla coscia di luglio, che oggi suona come il primo campanello d’allarme di una stagione che non è mai decollata come il mondo nerazzurro si aspettava. […] Sbagliare ancora significava tradire l’Inter e tradire soprattutto Spalletti. Che ha fatto di tutto pur di portare il suo pupillo a Milano un’estate fa e che attorno a lui ha costruito una squadra che puntava molto in alto e ha ancora obiettivi di livello“.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy