Rinnovo Icardi, Marotta è riuscito a imporre la sua linea a Wanda. Ma c’è ancora da discutere

Profilo basso nella trattativa tra l’Inter e l’agente di Icardi

di Andrea Della Sala, @dellas8427

L’Inter e Wanda Nara si sono incontrate per trattare il rinnovo di Icardi. La moglie e agente del capitano nerazzurro ha parlato con l’ad Marotta, col ds Ausilio e col dg Gardini, un primo approccio per provare a colmare la distanza tra richiesta e offerta.

Secondo il Corriere della Sera “Il club farà una proposta che dovrebbe essere sui 7 milioni più bonus, un ritocco non indifferente rispetto ai 5 milioni attuali. Wanda però non pare essere intenzionata a cedere così in fretta e resterà ferma sulle sue posizioni: 9 milioni più bonus. Un nuovo vertice sarà fissato nei prossimi giorni, l’Inter però non ha fretta, anche perché il giocatore è in scadenza nel 2021. Le parti vogliono trovare un accordo, il club però non è intenzionato ad assecondare tutte le richieste di Wanda. Di certo Marotta è riuscito a imporre la sua linea di basso profilo: la trattativa si condurrà in modo discreto e non sui social. Ci sarà da discutere anche della clausola di rescissione: si parla di 180 milioni, Wanda la vorrebbe più bassa, ma in fin dei conti per il club non è uno scoglio insormontabile. Si può alzare o togliere, anche perché il mercato insegna che fin qui sono stati meno di una decina i giocatori in Europa che hanno attivato la clausola rescissoria: Icardi ne ha una da 110 milioni valida dall’1 al 15 luglio di ogni anno. Quando un calciatore decide di andare in un altro club non c’è clausola che tenga, come insegna l’affare Cristiano Ronaldo”. 

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy