Nuovo stadio, Inter e Milan vogliono accelerare: ecco il prossimo step. Il Comune…

Nuovo stadio, Inter e Milan vogliono accelerare: ecco il prossimo step. Il Comune…

Fiducia intatta intorno al progetto del nuovo impianto che ospiterà nerazzurri e rossoneri

di Fabio Alampi, @FabioAlampi

Sembra tornato il sereno tra Inter, Milan e Comune di Milano sul tema San Siro: le parti si sono riavvicinate, e nelle prossime settimane ci si aspettano passi in avanti sul nuovo stadio. Secondo il Corriere dello Sport, i due club hanno fretta di accelerare: “Nemiche sul campo, alleate fuori. Inter e Milan da lunedì continueranno il dialogo per trovare un punto d’intesa con il Comune riguardo alla costruzione del nuovo impianto che condivideranno. Dall’inizio del percorso intrapreso per dotarsi di una casa moderna, sono stati fatti passi in avanti e superati ostacoli importanti, ma la strada è ancora lunga. E anche se il tempo che manca alla cerimonia d’apertura delle Olimpiadi invernali (febbraio 2026) è tanto, un’intesa globale e definitiva con Palazzo Marino non potrà tardare troppo. Pena far slittare in là nel tempo l’intera operazione“.

LA POSIZIONE DI INTER E MILAN – “Le due società hanno già fatto concessioni al sindaco Sala facendo capire che la loro priorità è restare nella zona di San Siro e adesso si aspettano dal Consiglio Comunale una variazione al PGT e un aumento dell’indice volumetrico, una condizione necessaria per rendere sostenibile dal punto di vista economico l’investimento e per costruire il centro commerciale, gli uffici e l’hotel che dovrebbero ripagare in buona parte la spesa da 1,2 miliardi di euro per l’intero master plan“.

NUOVA FIDUCIA – “Vista la varietà di interessi e la necessità di farli convergere ci sarà bisogno di tempo, ma la fiducia sia in viale della Liberazione sia in via Aldo Rossi adesso è maggiore rispetto a qualche mese fa quando il piano B, quello per individuare un’area alternativa per edificare la nuova casa (a Sesto San Giovanni), era caldo. Il Comune aumenterà l’indice volumetrico di edificabilità anche perché ha chiesto e ottenuto che l’attuale San Siro sia rifunzionalizzato (con tanto di creazione di una cittadella dello sport) e con questo “diktat” automaticamente ha da solo… “rivisto” l’indice. Ora, nel percorso che porterà alle elezioni comunali del 2021 (un fattore da non trascurare…), c’è da individuare la tempistica giusta per la variazione del PGT e per varare Piano Integrato d’Intervento“.

PROSSIMO STEP – “Il confronto tra le milanesi e Palazzo Marino è stato costante soprattutto in questo inizio di 2020 e proseguirà. Il prossimo passo sarà il parere della Sovrintendenza sull’eventuale vincolo culturale al quale è sottoposto il Meazza: una risposta è attesa entro metà marzo. Inter e Milan sono già venute incontro al Comune anche sui diritti sul suolo e sulle concessioni per il terreno con il pagamento del diritto di superficie che non inizierà dal trentatreesimo anno dalla costruzione dello stadio, ma dal primo“.

 

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy