Suning fa sul serio, quasi un miliardo per l’Inter. Mesi fa anche un rifiuto importante…

Suning fa sul serio, quasi un miliardo per l’Inter. Mesi fa anche un rifiuto importante…

La proprietà cinese dell’Inter si appresta a liquidare Thohir per una cifra tra i 150 e i 200 milioni

di Andrea Della Sala, @dellas8427

Le intenzioni di Suning con l’Inter sono maledettamente serie e a testimoniare questo impegno da parte della proprietà cinese ci sono i numeri. La prossima settimana sarà cruciale per la storia dell’Inter, e non solo perché la squadra di Spalletti tornerà al Nou Camp per affrontare il Barcellona, ma soprattutto perché la società potrebbe diventare in tutto e per tutto di proprietà cinese. Il tutto a partire dal presidente: sarà Steven Zhang, quasi certamente, a raccogliere l’eredità di Thohir, presidente uscente. Presto Suning rileverà quel 31,05% di azioni in mano all’indonesiano e manterrà l’intero controllo del club.

“Operazione che non è detto si riesca a chiudere in tempo per l’assemblea dei soci del 26 ottobre, che comunque nominerà il nuovo consiglio di amministrazione e appunto Steven Zhang presidente. Suning è pronta a compiere l’ultimo passo: si presentò con un aumento di capitale da 142 milioni in aggiunta ai 128 per l’acquisto delle quote di Moratti-Thohir. E siamo a quota 270. Nel corso delle due stagioni ha iniettato sotto forma di prestito soci qualcosa come 336 milioni, sempre di euro. A questo punto l’investimento è già oltre i seicento milioni. Ma non è finita qui perché Suning ha iniettato altri soldi freschi nelle casse nerazzurre garantendo tra gli ottanta e i cento milioni tra i diritti per il naming rights della Pinetina, delle maglie da allenamento e di altre sponsorizzazioni: 56 già nel primo bilancio con la maggioranza Suning e 40 nel secondo chiuso a giugno”, si legge su Il Giornale.

Per liquidare Thohir serviranno altri 150-200 milioni e si avvicina la quota di un miliardo di euro. “Ecco perché Icardi magari ci ha pensato bene prima di lasciare una barca da un miliardo. Perché Suning tra i connazionali che hanno investito nel calcio europeo è quello che sta confermando di fare maledettamente sul serio. Mesi fa avrebbe anche respinto al mittente un’offerta per l’acquisto dell’Inter. Zhang Jindong dall’innegabile fiuto per gli affari inizia a divertirsi con la musichetta della Champions. Una cinquantina di milioni sono già in tasca e siamo solo all’inizio. E poi adesso c’è un derby vero a Milano. Contro un americano. Il massimo per un cinese”, continua il quotidiano.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy