Wanda: “Ecco perché amo Mauro: i soldi ti cambiano, a lui è successo il contrario. I figli…”

Altre dichiarazioni di Wanda Nara

di Marco Astori, @MarcoAstori_

Altri estratti dell’intervista di Wanda Nara, moglie ed agente di Mauro Icardi, ai microfoni della rivista argentina Caras. La showgirl si è soffermata della sua carriera nello sport e in televisione come donna, per poi parlare della sua famiglia.

Con questo lavoro (di agente, ndr) ti senti un precursore del movimento femminista in Argentina?
Mi sento una donna indipendente e libera, con il privilegio di poter scegliere dove voglio essere e lavorare. Penso che sia grandioso quello che è successo nel 2018 in Argentina, un passo importante è stato fatto in modo che le donne siano apprezzate come gli uomini. Nel mio caso, ho iniziato da giovanissima con mia sorella in un’agenzia, grazie a Dio non ho mai avuto una situazione di molestie. Ho sempre avuto carattere e mi sono fatta rispettare. È quello che infondo nei miei figli, che hanno già iniziato a fare servizi fotografici. Valentino ha partecipato alla campagna di Philippe Plein in Europa e Francesca ha anche realizzato diverse produzioni. Per loro è un gioco ed è per questo che glielo faccio fare, Francesca ama essere vestita e fotografata. Le mie figlie hanno molta personalità: sanno cosa vogliono indossare e come ottenere quello che vogliono! Isabella è la più determinata. I ragazzi sono un po’ più introversi, ma giocano a calcio in una squadra italiana. Mi hanno chiamato da club più importanti, ma gli ho detto di no perché voglio che si divertano senza pensare alla competizione. Sono interessato a crescere nello sport e nei valori di apprendimento. Per ora, la loro priorità è la scuola: vanno in una scuola dove insegnano cinque lingue.

Come fai con così tanti bambini a trovare l’intimità con Mauro?
Dedichiamo sempre del tempo a noi stessi e una volta all’anno viaggiamo da soli. Mia mamma (Nora Colosimo) vive con noi e ci aiuta molto. Inoltre, i cinque figli trascorrono gran parte della giornata a scuola. Proprio l’anno scorso, quando anche Isabella ha iniziato ad andare, mi ha dato spunto per riprendere la mia professione con maggiore intensità.

Ti infastidisce quando dicono che metti in mostra il tuo costoso camerino?
No perché fa parte del mio lavoro mostrare ciò che mi danno. La maggior parte delle cose che ho mi sono state date dai marchi. Infatti, nel 2018 non ricordo di aver comprato nulla. Ricevo costantemente scatole di scarpe, borse, indumenti. Mi è successo con marchi ben noti dall’Italia che mi sono messa un vestito e dopo 24 ore era già passato. A volte mi mandano cose carine e a volte cose che non mi piacciono davvero, ma mi dicono: “Scatta la foto e restituiscila se non la userai”. Ho lavorato con Giuseppe Zanotti, Jimmy Choo, Christian Louboutin, Armani, Pierre Balmain, che ha accordi con noi e Cristiano Ronaldo. Donatella Versace recentemente mi ha inviato una camicia gialla per il mio programma: ho esitato a indossarlo perché non si adattava a quel colore. E dal giorno in cui l’ha visto, mi amava. È molto fanatica di Mauro.

E come la prendi quando criticano il tuo corpo?
Non faccio attenzione, è normale che ci siano il male e l’invidia. Sono molto sicura di me stessa. Mi interessa cosa dicono le persone che mi conoscono. Preferisco lavorare o usare tempo per me.

Quali sono i tuoi consigli di bellezza?
Mi occupo della mia pelle con le creme e ora faccio un po’ più di attività da quando ho un accordo con una palestra e devo andare più o meno tre volte alla settimana. Prendo anche lezioni di ballo latino con un insegnante privato: è un modo per rilassarsi e fare terapia. Sulla base dei pasti, è un po’ difficile prendersi cura di se stessi in Italia perché ceno sempre. Ma a casa mi piace cucinare in modo delizioso e sano.

Hai anche conquistato Mauro attraverso la cucina.
Sì, ama cucinare! Mi ha sempre detto che voleva una madre per i suoi figli come io ero con Valentino, Costantino e Benedetto. Mi loda anche per l’indipendenza e la forza.

Cosa ti ha fatto innamorare di lui?
La sua semplicità. Eravamo amici e conoscevo la sua integrità, i suoi valori. L’ho incontrato prima che diventasse famoso e diventato il capitano dell’Inter. Il denaro e la fama possono cambiarti e, a Mauro, è successo il contrario: sono ancora con il ragazzo di Rosario che ho incontrato.

Ti ha chiesto un figlio maschio?
No, vuole un’altra femmina, ma ho già chiuso la fabbrica.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy