Damascelli: “Conte e Zhang imprevedibili: ecco cosa c’è dietro il patto di Villa Bellini”

Il noto giornalista ha detto la sua dopo la fumata bianca in seguito all’incontro a Somma Lombardo tra la società e il tecnico

di Alessandro De Felice, @aledefelice24

Il giornalista Tony Damascelli ha commentato attraverso un lungo editoriale sulle colonne di Tuttosport la pace fatta tra l’Inter e Antonio Conte:

Tra i cinesi e Conte è una bella lotta. Non si sa bene chi sia il più imprevedibile, dico a livello di carattere e di pensieri e parole. Dipendesse da Suning, padre e figlio, l’Inter potrebbe comprare anche Buckingham Palace con tutti gli inquilini compresi e poi giocare a football e vincere su tutti i campi. Anche l’allenatore ritiene che con un allenamento dei suoi si potrebbe arrivare ai massimi risultati, almeno in territorio casalingo, come dimostra il curriculum dello stesso salentino. Però è opportuno moderare i termini e sistemare i tempi, ecco il riassunto della famosa riunione a Villa Bellini, tre ore di colloquio di tipo doroteo, senza strilli, senza minacce, senza vendette perché al momento di mettere gli attributi sul tavolo è meglio contare fino a dieci“.

CONTE SERENO –Inter e allenatore hanno deciso, dunque, di uniformare certe uscite pubbliche, rinunciando a proclami di successi trionfali, di triplete e scudetti facili. L’Inter è tornata una cosa seria (in verità lo è sempre stata fatta eccezione per alcune sceneggiate), è competitiva, può migliorare ulteriormente ma non con spese fuori registro. Conte è più sereno, dicono, segnale negativo perché il salentino ha sempre bisogno di tenere alto il numero dei giri, suo e del gruppo, non gli garbano certi atteggiamenti impiegatizi, lui incassa molto ma chiede di più ancora a se stesso e ai calciatori che non hanno altri obblighi se non quelli di rendere al massimo“.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy