Inter, Eriksen guida il gruppo dei debuttanti nel derby di Milano: con lui anche…

Inter, Eriksen guida il gruppo dei debuttanti nel derby di Milano: con lui anche…

Il centrocampista danese è pronto per la sua prima stracittadina italiana

di Fabio Alampi, @FabioAlampi

Il derby di questa sera sarà una prima volta per tanti, a cominciare da Christian Eriksen, alla sua prima stracittadina milanese dopo anni di sfide londinesi. La Gazzetta dello Sport parla del gruppo dei debuttanti: “Arrivare davvero preparati a un’atmosfera così forse non si può. Puoi aver visto e vissuto cose simili, l’energia della serata può esaltarti, o la pressione schiacciarti un po’: comunque, il debutto in un derby di Milano non lo scordi. All’andata, a settembre, fu la prima volta per sette: esultarono in 4 (i nerazzurri), lasciò la firma uno (Lukaku). Stavolta saranno un po’ meno: tanti, per una gara di ritorno. Merito del mercato, di nuove gerarchie, di assenze impreviste“.

ERIKSEN – “Se alla Scala ha fatto le foto, in Coppa Italia un assaggio e a Udine le prove (non pienamente riuscite), l’acuto va piazzato stasera: Christian Eriksen sa che questa è la gara che può indirizzare subito la sua avventura interista. Lo sa anche se a Londra ci sono troppi derby per sentirne davvero uno, e ad Amsterdam nessuno di credibile. Questa gara col Milan è una prima spiegazione del perché abbia scelto l’Inter, lui che sentiva fosse arrivato il «momento di qualcosa di nuovo». Il danese è l’aggiunta pesante di un mercato da “potenziale big europea”, un passo verso il futuro che va costruito a partire dal derby“.

YOUNG E PADELLI – “Ashley Young di derby ne ha giocati tantissimi a Manchester: il suo bilancio contro il City è nel complesso negativo. Ha vinto l’ultimo, ma l’ingresso al minuto 89 non può farglielo sentire suo. Ha perso i due precedenti da capitano (stagione 2018-19), ne ha firmato con un gol solo uno all’Old Trafford, quello vinto ad aprile 2015 per 4-2 (suo l’1-1). Nello stesso mese del 2015 Daniele Padelli vinceva il suo unico derby di Torino (persi gli altri 4 in A, 9 gol subiti in 5 gare): Darmian e Quagliarella ribaltarono il gol di Pirlo, lui sigillò con un paratone su Sturaro“.

GLI ALTRI DEBUTTANTI – “Sanchez in panchina all’andata, stasera dovrebbe fare almeno uno spezzone, Moses e Biraghi aspettano la chiamata, Esposito convocato per la prima volta, sapendo che se a Udine fosse andata diversamente…“.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy