Eriksen, uomo giusto con l’allenatore sbagliato. GdS: “Con Pirlo giocherebbe, ecco dove”

Il danese si è scontrato con le rigide idee tattiche di Conte

di Fabio Alampi, @FabioAlampi
inter eriksen

L’esperienza di Christian Eriksen, iniziata sotto grandi auspici, si è trasformata ben presto in un fallimento: il centrocampista danese non è riuscito ad esprimere il suo talento a Milano, complici le rigide idee tattiche di Antonio Conte, totalmente agli antipodi rispetto allo stile di gioco dell’ex Tottenham. Uno scenario che avrebbe potuto essere molto diverso con un allenatore diverso. Magari Pirlo, come suggerisce La Gazzetta dello Sport: “Antonio ha provato a innestare il trequartista Eriksen per alzare la qualità del gioco, non c’è riuscito ed è rinculato all’ortodossia del 3-5-2. Perché non lo vede mezzala? Perché il modulo prevede interni che si inseriscano senza palla e il danese non lo fa. Questa è la prima grande differenza tra i due. Per Conte il giocatore è una pedina che deve rispondere alle esigenze del ruolo. Pirlo invece adegua il ruolo alle caratteristiche del giocatore. Come Mancini. Verratti sa costruire e portare palla e non si butta negli spazi? Fa la mezzala lo stesso anche se il play è Jorginho. Giocano i più bravi. Prima l’uomo, poi lo schema. Con Pirlo, Eriksen avrebbe fatto la mezzala“.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy