GdS – Moviola Samp-Inter, Valeri da 6,5: rigori giusti, Barella rischia grosso. La VAR…

La moviola del quotidiano sportivo all’indomani della sfida di Marassi

di Alessandro De Felice, @aledefelice24

Tanto lavoro per la VAR in occasione della sfida di Marassi tra Sampdoria e Inter, terminata col risultato di 2-1 in favore dei blucerchiati di Ranieri. La Gazzetta dello Sport giudica da 6,5 la prova dell’arbitro Paolo Valeri di Roma: “La VAR c’è e va usata: stavolta l’arbitro e il collega al monitor (Chiffi) dialogano bene e così i due rigori dati e quello non dato alla Sampdoria nel primo tempo arrivano proprio dopo aver rivisto (scelta corretta) le azioni. Le immagini aiutano a non sbagliare. La partita non è cattiva, le 7 ammonizioni ci stanno tutte“.

Getty Images

La Rosea analizza i casi: “Tre episodi, tra il 9’ e il 22’, scaldano Valeri e Chiffi. Il primo vale il rigore per l’Inter. Angolo dalla destra, Skriniar in mezzo conclude di poco a lato: finito qui? No, perché il Var avvisa l’arbitro: Thorsby, infatti, ha il braccio larghissimo e il tocco, minimo, c’è. Rigore giusto. Al 17’, Valeri dà il rigore alla Samp per un mani di Lautaro sul tiro di Jankto, ma dopo aver visto le immagini concede la punizione. Ancora Var sul rigore per la Samp: Tonelli salta di testa, Barella ha la mano alta e intercetta. Decisione giusta e giallo per l’interista. Al 40’ il sardo rischia: dopo il giallo a De Vrij dice a Valeri a muso duro “fai il fenomeno”. Oriali entra in campo per calmarlo e si becca l’ammonizione, Nicolò viene richiamato dall’arbitro che lo ‘avvisa’“.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy