Icardi: “Scorsa stagione difficile, ora ho un obiettivo. Il mio ricordo più bello? Semplice…”

Icardi: “Scorsa stagione difficile, ora ho un obiettivo. Il mio ricordo più bello? Semplice…”

L’ex attaccante nerazzurro ha parlato del suo arrivo a Parigi, di come è stato accolto e di un amore speciale: il gol

di Eva A. Provenzano, @EvaAProvenzano

In un’intervista con Hypebeast, Mauro Icardi ha parlato del suo ritorno al gol dopo un anno complicato all’Inter.  

-Come sta andando l’integrazione negli spogliatoi? 

Molto bene. Appena sono arrivato, tutti mi hanno accolto bene, soprattutto i giocatori che parlano spagnolo. Con i ragazzi che non parlano spagnolo, comunichiamo in inglese. A dire il vero, tutti mi aiutano ogni giorno. Quando ho bisogno di qualcosa, sono lì per me. Mi sono integrato molto rapidamente grazie ai miei compagni.

-Anche i tifosi del PSG ti hanno subito adottato…

Alla prima partita che ho giocato qui, al Parc des Princes, mi hanno mostrato il loro sostegno non appena mi sono riscaldato. È stato molto commovente per me. Ho intenzione di trasformare questa emozione in obiettivo. Voglio essere il migliore per loro.

-Tra i tuoi nuovi compagni di squadra, c’è un certo Kylian Mbappé. Quali sono le tue impressioni su di lui?

Con Kylian, abbiamo avuto subito ottimo feeling da quando sono arrivato. È un ragazzo molto giovane che è già uno dei giocatori più importanti al mondo. Abbiamo immediatamente legato e condividiamo le cose sul campo, ma anche fuori dal campo. È uno dei migliori giocatori al mondo ed è un vantaggio per me.

-Quali sono i tuoi obiettivi per questa stagione? 

 No, non ho mai fissato obiettivi. Naturalmente, come dico sempre, è importante che un attaccante segni. Ma la linea di fondo è che i miei gol ci consentano di vincere partite importanti e, soprattutto, titoli. Mi concentro su questo, non sul numero totale dei gol che vorrei segnare. 

-Dopo un anno particolare e difficile è l’anno del tuo ritorno da protagonista? 

È vero che l’anno scorso non è stato facile anche se ho avuto l’opportunità di giocare molte partite e di segnare qualche gol. La mia ambizione è continuare a migliorare e voglio continuare a essere uno dei più importanti attaccanti al mondo. Posso farlo solo segnando quanti più reti possibili e lavorando sempre più duramente per raggiungere i miei obiettivi. Questo è ciò che conta per me.

-Hai firmato l’ultimo giorno, il tuo trasferimento qui è stato difficile? 

Difficile, no. Ma siamo una grande famiglia con cinque figli, il cambiamento è più complicato per loro. Sono ancora a scuola a Milano e vengono qui da me a Parigi durante le vacanze. Non volevamo cambiare tutto proprio per loro. Ma siamo bravi. E quando ho tempo libero, torno a Milano, dove abbiamo ancora casa nostra.

-Quando giocavi all’Inter, vivevi vicino allo stadio. Hai fatto la stessa scelta a Parigi?

Sì a Milano, ho persino vissuto proprio di fronte allo stadio. Qui, sono un po’ più avanti, mi sono stabilito a Neuilly. Non è molto vicino, ma non è così lontano.

Com’è la tua nuova vita a Parigi? Cosa ne pensi della città?

Parigi mi ricorda molto Milano, che è anche una delle migliori città. Ma qui è molto più grande, mentre a Milano le cose sono più concentrate. Ero stato in vacanza a Parigi prima, ma  per ora non sono riuscito a godermi tutta la città. Abbiamo partite ogni tre giorni e quando sono libero torno a Milano dai miei figli. Non sono ancora uscito molto. Per il momento non c’è nulla di sorprendente, trovo Parigi simile alle altre città dove ho vissuto. 

-Miglior ricordo nel calcio? 

Quando segno, semplicemente. Sono i gol che mi guidano. Per un attaccante, mettere un gol sarà sempre il suo miglior ricordo.

(Fonte: hypebeast.com)

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy