Sconcerti: “Icardi? Giocatore complesso, ma non dà felicità averlo perso. Merita riflessione”

Sconcerti: “Icardi? Giocatore complesso, ma non dà felicità averlo perso. Merita riflessione”

L’analisi di Sconcerti sul trasferimento di Icardi

di Marco Macca, @macca_marco

Sulle pagine del Corriere della Sera, Mario Sconcerti ha analizzato l’operazione di mercato che dall’Inter ha portato a titolo definitivo Mauro Icardi al Paris Saint-Germain. Un’analisi in termini quasi nostalgici, per un attaccante che in nerazzurro ha comunque segnato, tra polemiche e rancori, 124 gol in maglia nerazzurra:

Icardi è un giocatore involontariamente complesso. Il suo gioco è vecchio, è un centravanti d’area di rigore nel tempo in cui molti allenatori lì cercano uno spazio vuoto. Però ha classe, domina il pallone e l’energia, inventa traiettorie e spesso anche dribbling. Non è un uomo nuovo, è un uomo diverso. Regge il rumore del calcio quando la sua vita privata diventa pubblica. In un Paese profondamente macho come l’Argentina e in uno sport chiuso come il calcio, la sua storia non viene amata. Era ospite del suo amico, gli ha preso moglie e figli. Wanda Nara ha sempre detto di aver perso il marito per i suoi continui tradimenti (…) Merita una riflessione Icardi. Non dà felicità averlo perso“.

(Fonte: Corriere della Sera)

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy