Inter e Milan via da Milano alla ripresa del campionato? Ecco perché i club dicono no

L’approfondimento sul tema proposto dalla Gazzetta dello Sport in edicola stamattina

di Daniele Vitiello, @DanViti

Considerando lo stato attuale delle cose in Lombardia e in poche altre regioni d’Italia, si continua a discutere anche di un’eventuale ripresa della Serie A con gare da concentrare solo in alcune zone. L’ipotesi non trova il favore di Inter e Milan, come spiega la Gazzetta dello Sport: Quando le condizioni lo permetteranno la ripresa sarà accompagnata da un protocollo di «prescrizioni e raccomandazioni» riservate ai giocatori e a tutto il personale che opera a stretto contatto. Motivo per cui l’intero gruppo vivrà in una “bolla”, con disposizioni severe a tutela assoluta della salute. In questo modo ogni squadra godrebbe di una protezione totale, indipendentemente – è la teoria dei club – dal luogo in cui si svolgerebbe la partita. Lo stadio rigorosamente a porte chiuse completerebbe il quadro. La Serie A si sposterebbe rispettando ogni disposizione e incontrerebbe solo interlocutori che si muovono sullo stesso piano. In questo modo lasciare San Siro per un altro stadio non aumenterebbe il livello di sicurezza. Ci sarebbe semmai lo svantaggio – per chi dovesse lasciare il proprio stadio – a livello organizzativo e di costi. Una questione esclusivamente tecnica dato che i tifosi non potranno assistere alle partite e sostenere la loro squadra”.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy