Roma-Inter, Conte chiede una reazione già vista. Lukaku c’è: insostituibile per due motivi

La squadra interista ha già dimostrato di poter tirare fuori il meglio da un momento negativo e deve provare a rifarlo

di Eva A. Provenzano, @EvaAProvenzano

La sconfitta con la Sampdoria non ci voleva. È arrivata alle porte di due scontri diretti importanti come quelli contro Roma e Juventus. Sono le gare che attendono l’Inter e Conte si aspetta una reazione già vista. Come quella che la squadra ha avuto dopo l’eliminazione in Champions League. Dopo quella parentesi difficile è arrivato un filotto di gare con otto vittorie. L’allenatore si aspetta quel tipo di reazione dai suoi uomini.  Lukaku sta meglio e sicuramente con la Roma partirà dal primo minuto”, ha spiegato a Skysport Andrea Paventi. La formazione di Conte ha dimostrato di avere una dipendenza dal giocatore.

Per caratteristiche è difficile trovare un sostituto “per quello che dà a livello di gol ma anche per il lavoro che fa a livello di squadra. Per come riesce a salire la formazione nerazzurra quando lui è in campo. Ma è necessario superare questa dipendenza, bisogna essere pronti a sfruttare tutte le occasioni. Quello che non ha fatto ieri Sanchez. E a lui si chiede proprio di fare questo: essere in grado di tirare fuori il suo talento con il gol. Perché con la Samp è mancato quello, ma ha fatto un lavoro prezioso durante la partita. In questo l’Inter deve crescere. La squadra arriva tanto al tiro con 15 tiri e mezzo a partita in media. E non deve incassare gol. Adesso arrivano due partite in cui i nerazzurri affronteranno due squadre che sanno segnare e hanno una certa ambizione. L’Inter ha dimostrato di saper reagire nei momenti difficili. Deve farlo ancora”. 

(Fonte: SS24)

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy