FC Inter 1908
I migliori video scelti dal nostro canale

ultimora

Minotti: “Inter, momento clou: vinca in trasferta. Vidal diverso. La situazione del club…”

Le dichiarazioni dell'opinionista nel corso del prepartita di Fiorentina-Inter negli studi di Sky Sport sulla squadra di Conte

Alessandro De Felice

Ospite negli studi di Sky Sport, l'ex calciatore Lorenzo Minotti ha espresso il suo pensiero a pochi minuti dal fischio d'inizio della sfida tra la Fiorentina e l'Inter all'Artemio Franchi: "Al di là della situazione societaria è proprio momento clou del campionato perché l'Inter è una condizione particolare: ha questa partita e due scontri diretti. Poi dal 21 febbraio in poi le altre cominceranno a dover affrontare l'impegno europeo, invece di Inter avrà un impegno settimana. Come arriva la partita di oggi? Bene! Sta vivendo un buon momento, è normale che deve dare delle risposte, soprattutto fuori casa dove l'anno scorso è stata la miglior squadra per rendimento esterno. Nel 2021 non ha ancora vinto, e ultimamente è inciampata, per esempio Udine, dove non è riuscita andare oltre lo 0-0. Stasera deve assolutamente provare a portare a casa tre punti per arrivare pronta poi hai due scontri diretti che decideranno molto. Quando c'è equilibrio gli scontri diretti decidono tanto".

Getty Images

Su Vidal: "Mi aspetto di più. Anche Conte si aspettava di più. Lui vuole da Vidal proprio questa leader ed è contento delle reazioni dopo le sostituzioni. È un Vidal diverso da quello che conosceva Conte alla Juve: si vede nettamente la differenza di impostazione del gioco dell'Inter da una fascia all'altra. Barella lo fa in modo continuo e continuativo mentre Vidal va meno sull'esterno. Tra i motivi della scelta di Sanchez c'è anche lo stile della Fiorentina, molto compatta centralmente e va attaccata sugli esterni. L'ex United può andare a far coppia con Perisic e permettere a Vidal di fare quello che sa far meglio, ovvero gli inserimenti centrali".

Minotti ha parlato anche della situazione societaria e delle conseguenze sulla squadra: "Viene fuori la parte buona dei giocatori, che tante volte consideriamo come dei mercenari legati al contratto e ai loro interessi singoli. In queste situazioni si può avere un obiettivo comune e si può scoprire un senso di identità e appartenenza".

tutte le notizie di

Potresti esserti perso