FC Inter 1908
I migliori video scelti dal nostro canale

ultimora

Nicchi: “Fatto il massimo per il calcio italiano. VAR? Vicini al limite della perfezione”

L'ormai ex presidente dell'AIA ha parlato dello stato dell'arte della categoria dei fischietti e del calcio italiano

Matteo Pifferi

Marcello Nicchi non è più il presidente degli Arbitri. L'ex numero 1 dell'AIA ha infatti perso il testa a testa con Trentalange che ne prende così il posto. Ecco il commento di Nicchi a Calcio Napoli 24:

"Un bilancio della mia avventura? Sono sereno e tranquillo, sono conscio di aver dato il massimo per la mia categoria e per il calcio italiano. Faccio i più calorosi auguri a Trentalange, che possa ottenere le soddisfazioni che ho avuto io. Sono orgoglioso di aver avuto questo incarico per così tanto tempo, abbiamo fatto cose importanti che oggi sono a disposizione di tutti".

"Un rammarico o un rimpianto? No, rammarico no: quando le persone lavorano per il bene di tutti non ci deve essere rammarico bensì consapevolezza e passione. Ci sono momenti nella vita in cui ci sono dei cambiamenti ed altre cose da fare, non si vive solo di una cosa. Importante è amare ciò che si fa con trasparenza e passione, è sotto gli occhi di tutti. Non resta che augurare di fare il meglio possibile".

"Dove sta andando il calcio italiano? Dal punto di vista arbitrale oggi consegno a tutti una AIA di grande valore e di grande sicurezza, dal punto di vista generale. Sul momento del calcio italiano oggi è difficile stabilire dove va: è in grande apprensione per il discorso pandemico, non sappiamo ancora quando potrà finire. Per fare certe valutazioni, dobbiamo aspettare la normalità".

"Gli arbitri si faranno trovare sempre pronti, ci sono giovani che si sono messi in grande evidenza e meno giovani che stanno facendo bene. Ci manca il calcio dilettantistico, il calore della gente e dello stadio: sono cose che mancano a tutti, quello di oggi è un calcio anomalo con gli stadi vuoti ed un clima a cui non siamo abituati. Lo stato dell’arte è questo, ne prendiamo atto e siamo pronti".

"Maggiore applicazione della tecnologia? Non deve preoccupare l’uso, è un aiuto che ha fatto grandi progressi: sta raggiungendo il limite della perfezione, viene utilizzata bene e quando ce n’è bisogno. Non è motivo di preoccupazione per il calcio, ad oggi".

Potresti esserti perso