FC Inter 1908
I migliori video scelti dal nostro canale

ultimora

Plusvalenze, Inter a giorni ufficialmente indagata. Il Giornale: “Indizi corposi”

Getty Images

Nonostante il comunicato del club e le parole dell'ad Beppe Marotta, la situazione potrebbe presto cambiare

Fabio Alampi

L'inchiesta della Procura sulle plusvalenze nel mondo del calcio rischia di coinvolgere numerose società italiane. Tra queste figura anche l'Inter, che martedì ha ricevuto la visita della Guardia di Finanza. Il comunicato del club nerazzurro e le successive parole dell'amministratore delegato Beppe Marotta hanno esposto la situazione con l'intento di tranquillizzare ambiente e tifosi ma, secondo Il Giornale, nei prossimi giorni sono attesi spiacevoli sviluppi:

"È questione di giorni, al massimo di poche settimane: poi, superata al pausa festiva, la Procura della Repubblica di Milano si prepara a iscrivere nel registro degli indagati i vertici dell'Inter, ovvero gli amministratori che hanno firmato i bilanci depositati relativi agli anni 2018, 2019 e 2020. Sono i bilanci che, secondo l'inchiesta venuta alla luce martedì scorso, erano stati truccati con l'inserimento di plusvalenze mai realizzate nelle compravendite di dieci giocatori di seconda fascia, avvenute prevalentemente col Genoa.

La scelta di procedere per ora formalmente a «carico di ignoti» non significa, purtroppo per l'Inter, che i pm milanesi non considerino corposi gli indizi a carico del management nerazzurro: anzi, la cautela nell'iscrizione dei nomi nasce dal sospetto che oltre agli amministratori delegati Giuseppe Marotta e Alessandro Antonello anche una serie di altri dirigenti apicali fossero al corrente del sistema - identico a quello già scoperto in casa Juventus - di ipervalutare i giocatori soprattutto nelle operazioni di scambio, consentendo a entrambi i club di inserire e spalmare sui bilanci arricchimenti in realtà mai avvenuti.

[...] Si tratta di un meccanismo che, nelle ipotesi investigative, non poteva venire messo in atto senza la complicità di una fetta importante della dirigenza, che altrimenti non avrebbe potuto spiegarsi l'andirivieni di giocatori destinati a non vedere mai il campo. Per questo martedì la Guardia di finanza ha acquisito nella sede dell'Inter non solo bilanci e contratti di compravendita ma anche i messaggi scambiati sulle caselle di posta aziendale tra i responsabili dei diversi settori in occasione dei passaggi di proprietà. Ora il materiale è sotto analisi da parte delle «fiamme gialle», e al termine dello screening si deciderà chi inquisire".

tutte le notizie di