Condò: “Conte non si aspetti pazienza. Sanchez? Acquisto strombazzato, ma non segna”

Il giornalista ha detto la sua su Sanchez e sulle parole dell’allenatore nerazzurro alla vigilia della gara col Genoa

di Eva A. Provenzano, @EvaAProvenzano

C’era anche Paolo Condò negli studi di Skysport a commentare questa giornata di campionato e ha parlato anche di Conte e delle sue parole alla vigilia della gara col Genoa. Queste le parole del giornalista:

«Credo che Conte abbia fatto l’esempio del Liverpool per dire che è il club più ammirato e ha avuto bisogno di una genesi estremamente lunga, perché quattro anni sono tanti e Conte non può aspettarsi quattro anni di pazienza per vincere. In questo periodo l’Inter si è trovata al centro di un turbinio di situazioni sfavorevoli, compresa quella del Covid. A parte il Genoa è stata finora la squadra più attaccata. Addirittura le sono state tolte giocatori con addirittura la falsa positività di Hakimi, verrà appurato ma la sua assenza è stata chiaramente pagata tanto. Ho qualche cosa da dire sul mercato dell’Inter, fin dall’inizio. Non sono un fan di Sanchez a dire il vero, per me è stato un colpo fin troppo strombazzato per il costo. Ti credo che sia stato pagato meno visto l’ingaggio fuori dal mondo, ovvio che te lo regalino. Se paghi quella cifra elevata per Lukaku, che ti cambia la squadra nei momenti di difficoltà e segna tanti gol, sono d’accordo. Sanchez ha smarrito il gol da tempo e la terza punta dell’Inter non esiste a livello di impatto realizzativo. Una cosa grave se si toglie Lautaro: si cala parecchio. Poi abbiamo visto le difficoltà di Kolarov. Si ripaga l’ingaggio diventando una sorta di regista arretrato, in difesa ha mostrato la corda ma si ritiene utile impostando il gioco».

(Fonte: SS24)

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy