Sconcerti: “Roma-Inter consegna due squadre imperfette. I nerazzurri scompaiono…”

L’analisi del giornalista sulle prime della classe

di Gianni Pampinella

Il giorno dopo Roma-Inter, dalle colonne del Corriere della Sera, Mario Sconcerti fa il punto sulle prime della classe. Per il giornalista il Milan è squadra vera, le altre al momento sono imperfette.

“Roma-Inter consegna due squadre imperfette al campionato, brave ma incapaci di fare la partita per più di un quarto d’ora filato. Forse è questo il dato di oggi, per tutti. È un calcio stanco che cerca complicità nella stanchezza degli altri. La foto è Cristiano Ronaldo alla seconda partita sbiadita. L’impressione si conferma nel Sassuolo che domina la Juve ma non tira mai in porta, non approfitta degli spazi che si conquista di classe. La conclusione è che il Milan continua a sembrare la squadra più vera anche con i panni impoveriti che sta vestendo. È una delle pochissime sul territorio che è una somma di uomini, usa tutto e in modo fantasioso”.

Getty Images

“La Juve, l’Inter, la Roma hanno un gioco buono ma discontinuo, a tratti scompaiono. Da Ronaldo, in qualunque giornata sia, il gol lo aspetti sempre. Così da Lukaku o Dzeko. Nel Milan non sai mai chi segnerà, ma qualcuno certamente segnerà. L’Inter costruisce gol in dimensioni industriali, ma poi scompare nel suo vuoto difensivo, nella sua flemma, e diventa vittima. Alla Roma manca un equilibrio ultimo, o è travolgente o viene travolta, è un male leggero che cade improvvisamente su tutto e banalizza la qualità. Una vecchia Juve non sarebbe mai stata dominata con tanta insistenza dai ragazzi del Sassuolo”.

(Corriere della Sera)

 

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy