VIDEO FCIN1908 / Condò: “Giovani? In Italia bisogna cambiare la mentalità. A San Siro…”

Il giornalista sullo stato dei giovani nel calcio italiano

Intervenuto al Festival dello Sport di Trento per presentare il suo libro sui 50 ritratti di grandi personaggi del calcio, il giornalista Paolo Condò ha parlato anche dello stato dei giovani nel calcio italiano, portando l’esempio di Nicolò Zaniolo:

La decisione del ct dell’Italia, Roberto Mancini, di convocare in azzurro Nicolò Zaniolo quando non aveva ancora debuttato in Serie A è stata una scelta che ha un po’ inchiodato gli allenatori di club alle loro responsabilità. Com’è possibile che all’estero vediamo tanti ragazzi di 19 anni che giocano liberi e contenti e in Italia, invece, è così difficile? La risposta è anche nell’atteggiamento del pubblico: al Camp Nou, quando debutta un ragazzo della Masìa, la gente pensa subito che è uno di loro, c’è orgoglio. Se lo si fa a San Siro, il commento è: ‘Hai visto? Non hanno i soldi e fanno giocare i ragazzini’. E’ questa la mentalità che bisogna cambiare“.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy