VIDEO / Zanetti, 18 maggio 2014 dice addio al calcio e diventa una leggenda dell’Inter

La leggenda nerazzurra si è ritirata sei anni fa. Ora Javier è il vicepresidente del club e ama il suo ruolo come amava giocare

Ci sono parole non dette su Zanetti? Forse no. L’ex capitano dell’Inter è uno di quei giocatori che sono bandiera, esempio, guida, prima di essere atleti. Javier ha battuto tutti i record nerazzurri e non e ha lasciato un vuoto quando ha lasciato il calcio giocato e la sua maglia numero 4 è stata ritirata ‘4 ever‘.

Un sacchetto con le scarpe dentro al suo primo giorno da interista. Un cuore pieno di emozioni, di vittorie, dell’abbraccio dei tanti tifosi che la sera del 18 maggio 2014 gli hanno tributato il più lungo degli applausi per il suo addio al calcio. Chi c’era giura di aver pianto più di una lacrima. Di sicuro lui ha pianto. Lo aveva fatto nel 2010, alla vittoria del Triplete. Lo ha fatto quella sera di sei anni fa. Era consapevole che non avrebbe più vestito quella maglia che gli aveva tolto tutto e poi gli aveva restituito quanto forse non si sarebbe mai aspettato. E poi l’Inter non l’ha lasciata mai veramente. Ora ha un altro ruolo, ma la ama come sempre. Perché l’Inter ha amato molto lui.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy