EDITORIALE – La prima vittoria di Sabatini e Ausilio, la rivoluzione di Spalletti: Inter is coming

EDITORIALE – La prima vittoria di Sabatini e Ausilio, la rivoluzione di Spalletti: Inter is coming

L’editoriale di Alfio Musmarra per FCINTER1908.IT

di Alfio Musmarra, @IlMusmy

Diciamocelo, abbiamo passato un mese tremendo tra la questione allenatore e questi maledetti 30 mln da incassare prima di poter far mercato. Nel frattempo ci siamo dovuti sorbire la solita ‘lectio magistralis’ del professore di turno che ci vaticinava in maniera nefasta un futuro tenebroso. Beh del resto siamo abituati, tra fallimenti presunti e libri in tribunale ne abbiamo sentite diverse. Così come le ironie sulla proprietà cinese: del resto dall’alto del loro lignaggio, una proprietà cinese era da considerarsi cosa spregevole, sorvolando su closing e risorse economiche , che all’Inter ovviamente non sarebbero mai esistiti. a volte il destino é proprio beffardo…È stato un mese duro, dopo una stagione tra le peggiori della nostra storia. Si è toccato il fondo ma a volte serve per fare esperienza e ripartire di slancio.

La società sta finalmente prendendo forma e tuttavia ancora dovrà essere ridefinita con un Presidente ed un Amministratore Delegato. Definita guida tecnica, la società ha lavorato pesantemente per risolvere la questione relativa al bilancio e lo ha fatto in maniera egregia. In questo mese abbiamo sentito e letto di tutto ed ovviamente con tagli velatamente ( ma neppure troppo ) infausti. Alla fine come sempre contano i fatti ed i fatti sono che il club ha centrato l’obiettivo dei 30 mln senza dover sacrificare a costi di saldo nessun big, fermo restando che personalmente un’altra chance a Banega l’avrei concessa.

Chi avrebbe immaginato un mese fa di far cassa con i giovani mantenendo per alcuni il diritto di ricompra? Utopia vera e propria, ma basta andare a riprendere i giornali dei mesi scorsi per rendersene conto. Guai a iniziare discorsi del tipo: ‘grande Sabatini, Ausilio impara’  perché sarebbe l’inizio della fine.

L’Inter dev’essere un’unica entità  e solo ragionando in questo modo si potrà iniziare finalmente a programmare dopo la Cartagine della scorsa stagione che poi andando a vedere hanno davvero lavorato in maniera totalmente sinergica e sarebbe sbagliato dare i meriti solo ad uno. Ausilio e Sabatini hanno messo insieme un grandissimo lavoro che in realtà è solo la base per una campagna acquisti che sarà effervescente, strutturata e ragionata insieme ad un tecnico che sa il fatto suo e che è smanioso di ridare una mentalità vincente ad un gruppo che fino ad oggi non ha mai ragionato da squadra, anteponendo il bene personale.

La rosa verrà rivoluzionata, perché di fatto in tanti partiranno ed altrettanti arriveranno, ma per la prima volta dopo tanto tempo si è raggiunta la consapevolezza di avere alle spalle una proprietà che non vuole farsi prendere per il naso da nessuno. In epoche diverse i vari Perisic, Jovetic e Banega sarebbero partiti a prezzo di saldo proprio in virtù di un bilancio che nessuno avrebbe immaginato di poter sistemare con cessioni di secondo piano ( tolto Banega gli altri nomi è giusto ricordarlo sono Caprari, Eguelfi, Miangue, Gravillon e Di Marco ). Se lo avessimo letto un mese fa avremmo pensato ad uno scherzo.

Leggo a volte critiche accese nei confronti del DS nerazzurro Ausilio, ma nessuno riflette mai sulle condizioni. Trovarsi a gestire tre passaggi di proprietà con tutti i problemi che ne derivano non é cosa da poco, continui cambi dirigenziali, allenatori, e di conseguenza moduli e richieste: é difficile costruire qualcosa di solido se la prima cosa a non essere solida é la società, con una proprietà che ad oggi, ricordiamolo ha un presidente  che detiene la carica dall’altra parte del mondo  (Thohir) ma che dopo i disastri della scorsa estate é stato di fatto estromesso dalle decisioni. Bisogna ritrovare l’identità del club, annacquata dopo 3 passaggi di proprietà che hanno generato confusione e smarrimento. Perché poi alla fine i soldi sono importanti ma l’attaccamento, l’impegno e la professionalità non li puoi comprare al supermercato.

Sia da monito il Milan dello scorso anno. Si il Milan, che con un mercato a impatto zero ha saputo cementare uno spogliatoio che pur non di grande livello ha dato il massimo meritando di arrivare davanti a noi. Non sono casuali le parole di Spalletti, il quale in questi giorni ha sempre parlato di ‘cultura del lavoro’e di ‘spirito di gruppo’ da anteporre agli interessi personali. I tifosi nerazzurri hanno subíto abbastanza in questi ultimi anni, ma hanno sempre mostrato quell’amore e quell’attaccamento che é spesso mancato a professionisti puntualmente e profumatamente pagati, del resto i dati sulla presenza dei tifosi dell’Inter presenti puntualmente a San Siro sono pubblici e per certi versi sorprendenti considerati risultati e prestazioni.  Ma una cosa dev’essere chiara: non hanno bisogno di qualcuno che baci la maglia, perché si accontenterebbero di professionisti che diano tutto sul campo e che si comportino con serietà e professionalità, senza i capricci del presunto campioncino viziato, perché non c’è più spazio per queste  nequizie.

5 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. ienaaa - 2 anni fa

    Caro Alfio, sei il mio preferito in quanto hai sempre un’opinione equilibrata del mondo inter. Vorrei fare una premessa, quando Suning decise di prendere Sabatini, ottimo talent scout, mi è venuto da storcere il naso. Il motivo è che ha sempre scovato giocatori sconosciuti e, a volte bene a volte male, ha sempre rivenduto gli stessi facendo fare plusvalenze importanti alle società in cui esso lavorava. Io amo l’Inter, come penso la amino altri milioni di tifosi, la amo per la grandezza che ne ha rappresentato negli anni, la amo per la sua follia, la amo perchè ha saputo calamitare a se giocatori di assoluto livello nel corso dei suoi 110 anni quasi di storia. Il mio tarlo consiste nell’osservare questa prima campagna acquisti per capire che tipo di squadra Suning vorrà fare, ossia con almeno 2 o 3 top in rosa o con 1 top e diverse scommesse. Perchè se la strada dovesse essere la seconda, la nostra storia cambierà e con essa anche i traguardi prestigiosi che noi tifosi auspichiamo ormai da 7 anni. Probabilmente centreremo la CL ma noi interisti non amiamo partecipare … dopo un periodo così lungo vorremmo iniziare a vincere.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. valeriosperanz_224 - 2 anni fa

      Con altre parole ma ieri ho scritto praticamente le stesse cose. Adesso sembra che B.Valerio sembri un top player e non e’ cosi’. Ci si sta scannando per un 32 enne ed e’ un assurdo. Tutto questo attorniato da promesse che si potranno vedere se tali sono tra qualche anno. L’Inter doveva e deve mettere a posto la difesa e l’attacco. Ancora non l’ha fatto. Punto. Riguardo la scelta di Sabatini, questa e’ una scommessa. Non sempre la ciambella riesce col buco….

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. antonio - 2 anni fa

      Infatti , vedremo gli acquisti , senza campioni non si vince e non si compete , il resto sono balle . Mi importa poco di tutti i giovani che si continuano a prendere , per me rimangono prioritari quelli che fanno la differenza e devono far girare e maturare gli altri . Lì voglio vedere cosa si farà nel calciomercato .

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. gmdipaol_181 - 2 anni fa

    Mah! Forse…. per il momento più che la rivoluzione abbiamo assistito alla vendita di giocatori di prospettiva…..
    lo scorso campionato di è concludo in modo indecoroso… è in campo non scendono nè Sabatini nè lo “sciagurato” Ausilio, il Presidente o l’AD ma i giocatori che per il momento sono più o meno gli stessi dello scorso anno. Mah! Forse….Staremo a vedere….

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. user-13490850 - 2 anni fa

    Tutto da condividere
    Ma non si Vince con La rivoluzione ogni anno !

    Devo restare il Gruppo Gia ambientato con Finalmente
    Un allenatore con le palle !!

    E von PeresIC e BrosovIC e HandanovIC Perche
    IC = INTER CAMPIONE
    minimo IC = INTER in CHAMPION

    !!!!!!!!!!!!!

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy