Repubblica – Marotta è con Ausilio, Conte vuole potere. Ma niente Juve: se lascia l’Inter sarà…

Le ultime sulla situazione in casa nerazzurra e i possibili sviluppi dopo l’Europa League e in vista della prossima stagione

di Alessandro De Felice, @aledefelice24
Antonio Conte in conferenza

Antonio Conte non lascerà l’Inter. Attraverso le parole all’Ansa di ieri, l’allenatore salentino ha confermato la volontà di non voler farsi da parte: in caso di rottura definitiva toccherà alla società mandarlo via, pagando i 44 milioni lordi di stipendio che si aggiungono agli 11 di Spalletti. Le alternative sono due: trovare un accordo per la rescissione consensuale, proprio come Conte ha provato a fare col Chelsea ma senza riuscirci, o proseguire insieme alle condizioni dell’allenatore.

Secondo quanto rivela La Repubblica, Conte vorrebbe influire di più sulle scelte di mercato.

L’amministratore Beppe Marotta è invece in sintonia con il direttore sportivo Piero Ausilio, che ha pubblicamente ringraziato più volte. Sta proprio a Marotta cercare una mediazione, per ricucire le crepe fra allenatore e club“.

E le parti già pensano alle alternative in caso di rottura. La prima opzione per la panchina nerazzurra resta Massimiliano Allegri, mentre per Conte si fanno strada due ipotesi: il ritorno in Premier League e il Paris Saint-Germain in caso di addio di Tuchel. Nessuna possibilità di tornare alla Juve, dove poteva finire già un anno fa. Paratici e Nedved lo avrebbero riabbracciato volentieri, la proprietà no.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy