Inter, Antonello: “Col nuovo stadio, raddoppiamo i ricavi. Ma niente rialzo biglietti”. Le cifre

L’Inter punta al raddoppio dei ricavi da stadio con il nuovo impianto progettato insieme al Milan. Lo ha spiegato l’amministratore delegato Alessandro Antonello

di Redazione1908

L’Inter punta al raddoppio dei ricavi da stadio con il nuovo impianto progettato insieme al Milan. Lo ha spiegato l’amministratore delegato Alessandro Antonello,  nel corso dell’assemblea degli azionisti svoltasi lo scorso 27 novembre. Alcuni stralci del verbale sono stati diffusi da Calcio e Finanza.

Rispondendo a un socio, l’ad ha spiegato che “l’effetto ragionevolmente atteso” dal nuovo stadio “prevede il raddoppio degli incassi legati alle operazioni dello stadio rispetto a quanto accade oggi”.

“Tale effetto, che sarà pienamente visibile a partire dalla prima stagione disputata interamente presso il nuovo impianto, non si tradurrà in un aumento del costo dei biglietti e abbonamenti, ma si baserà sulla capacità del nuovo stadio di offrire servizi aggiuntivi rispetto alla struttura esistente”, ha spiegato Antonello.

Se come previsto l’area dovesse essere fruibile 365 giorni all’anno, sottolinea Calcio e Finanza, i ricavi dovrebbero arrivare a 131 milioni. Di cui circa 78,7 milioni legati al comparto stadio (naming rigths, sponsor, parcheggi, tour/museo, eventi e ristorazioni) e il resto derivante dal comparto multifunzionale (hotel centro congressi, uffici e zone intrattenimento).

Nel 2019/2020, l’Inter ha chiuso i ricavi da stadio (solo relativi a biglietti e abbonamenti) a quota 44,3 milioni di euro. Più 10 milioni di euro per il resto del comparto stadio.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy