SM – Inter, Lukaku salva baracca e burattini. È il punto saldo e i numeri brillano. Ma…

Il giocatore ha segnato una doppietta e ha trascinato i nerazzurri in Champions nonostante una serata storta

di Eva A. Provenzano, @EvaAProvenzano

Alla fine è arrivato un pareggio nella prima partita del girone di Champions e l’Inter ha più di un rammarico. Tra il risultato e la notizia di Hakimi positivo al covid19 con altri compagni ora a rischio, ci sono pochi motivi per sorridere. Ma Conte ne ha uno importantissimo: Lukaku. E non solo per la doppietta. Dell’attaccante belga ha parlato SportMediaset: “Sembra un ottovolante impazzito la squadra nerazzurra, stecca al debutto di CL, domina ma non graffia, passa in vantaggio ma poi rischia contro il M’gladbach una squadra fisica e quadrata e per niente trascendentale. Questa volta due errori di Vidal e serve Lukaku a salvare baracca e burattini. Conte a parole è soddisfatto, ma la sua formazione ha perso compattezza”. L’emergenza covid19 preoccupa il club interista per i numerosi contatti che Hakimi ha avuto con i compagni negli ultimi giorni. Una spada di Damocle, l’ha definita Marotta.

Getty Images

LUKAKU – Del belga a SM hanno detto: “È il punto saldo. Il baricentro della squadra. Quello che non si perde e trascina. Romelu ha fatto della maglia dell’Inter una seconda palla. Ha le spalle larghe e una statura agonistica fuori discussione che si traduce in numeri. Sempre in centro nelle ultime nove partite in Europa con 11 gol. Se fosse un film di Tarantino sarebbe Mister Wolf, quello che risolve i problemi. Ha maturità da grande saggio, una forza mentale che mette ordine anche quando quelli attorno a lui si smarriscono“.

Getty Images

Le statistiche dicono che ha segnato sei gol in cinque partite in questo inizio di stagione, quattro in campionato. Nelle ultime sei reti in CL c’è sempre il suo zampino, 4 reti segnate e 2 assist. “È un’Inter Lukaku dipendente ma dal suo approccio umile e concreto deve imparare tutta la squadra perché per coltivare ambizioni alte uno solo non basta”, conclude il tg sportivo di Italia1.

(Fonte: SM)

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy